Home / Altri sport / Il Rugby Club Pasian di Prato continua a crescere

Il Rugby Club Pasian di Prato continua a crescere

Bel fine settimana per il minirugby, impegnato a San Vito al Tagliamento. Stop per U14 e 16. Il punto della società

Il Rugby Club Pasian di Prato continua a crescere

Ancora un fine settimana convincente per il Rugby Club Pasian di Prato, società giovane, ma che punta a crescere. “I numeri sono in costante aumento”, spiega il dirigente Guglielmo Marcuzzo. “Al momento schieriamo 170 giocatori effettivi dall’U6 all’U18. L’obiettivo? E’ quello di consolidare il nostro progetto, che è fondato su sport ed educazione, supportati da uno staff tecnico di grande esperienza e capacità. Importante anche il sostegno dell’amministrazione comunale, che ha creduto in noi in questa fase di ‘start up’: assieme, puntiamo alla creazione di un polisportivo finalizzato non solo al rugby, ma anche al calcio, grazie a un ulteriore campo da gioco con relativi spogliatoi. In prospettiva di medio-lungo termine, poi, stiamo impostando la costituzione della prima squadra”.

“A inizio stagione, abbiamo elaborato un programma specifico per ogni gruppo”, gli fa eco il direttore tecnico Simone Lentini. “E tutti stanno lavorando per raggiungere gli obiettivi prefissati. Dal punto di vista tecnico, possiamo contare su almeno tre allenatori per ogni categoria e, da quest’anno, abbiamo inserito anche l’importantissimo tassello della preparazione fisica, grazie all’esperienza di Beppe Currò. Visto l’impegno di tutti, sono sicuro che i risultati non tarderanno ad arrivare!”.

Nel weekend, ferma l’U18 che riposava, U16 e 14 sono scivolate rispettivamente a Belluno e a Pordenone. Le formazioni del minirugby, dall’Under 6 all’U12, invece, erano impegnate nel raggruppamento di San Vito al Tagliamento, contro i pari età locali e delle società di Gemona, Azzano X e dell’OverBugLine Codroipo. Giornata complessivamente molto positiva, con i cuccioli del Pasian che hanno ben figurato in ogni categoria.

Partendo dall’alto, l’U12 ha vinto tutte le sfide, l’U10 (in campo con due squadre) ha ceduto un solo match, molto convincenti anche U8 e 6, che schieravano due formazioni ciascuna. “Puntiamo ad allargare la base e a crescere settimana dopo settimana, confrontandoci spesso con le realtà del vicino Veneto, storicamente più competitive”, spiega il responsabile minirugby Nicola Lo Schiavo. “Accanto alla crescita, individuale e di squadra, non dimentichiamo mai l’importanza del divertimento. E abbiamo inserito anche la motricità, perché ci siamo accorti che molti bambini sono carenti proprio sulle abilità di base. Un lavoro che sicuramente ci ripagherà. Il prossimo weekend riposeremo, poi concluderemo il 2017 con un impegno il 3 dicembre, la festa di Natale del 16 dicembre e il raggruppamento del 17 dicembre a Pordenone”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori