Home / Calcio dilettanti / Progetto autismo Fvg partner della Coppa Italia

Progetto autismo Fvg partner della Coppa Italia

La Figc regionale vuole così promuovere l’attività dell’associazione

Progetto autismo Fvg partner della Coppa Italia

Il Progetto autismo Fvg sarà partner sociale delle finali di Coppa Italia di Eccellenza, Promozione e Calcio a 5 del Friuli Venezia Giulia. Comitato regionale che ha voluto, così, essere ancora vicino alle associazioni di volontariato presenti in regione facendo seguito a quella, in corso, con l’Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo) della scorsa stagione.

“Siamo orgogliosi – le parole del presidente regionale della Figc Ermes Canciani - di poter essere ancora vicini a questo tipo di associazioni. Il consiglio regionale ha deciso di unirsi al ‘progetto autismo’ nella speranza possa essere, da tutti, compresa l’importanza di queste attività sociali nel rispetto non solo delle persone colpite, ma di quante impiegano il loro tempo per dedicarsi a questa opera volontariamente. Sulle maglie da gioco delle squadre che scenderanno in campo nelle tre finali sarà stampato il logo dell’associazione, una maniera simbolica per poter rappresentare sul terreno di gioco tutte le persone affette dalla sindrome autistica”.

Progetto autismo Fvg che conta, attualmente, circa 300 iscritti di cui 100 famiglie con una persona affetta dalla sindrome. “Il volontariato è la ragione di vita dell’associazione - racconta la presidente Elena Bulfone - e quanto ci rende maggiormente orgogliosi sta nel fatto la nostra struttura sia punto di riferimento a livello nazionale. Per noi è un sogno che si sta realizzando, sebbene non manchino le difficoltà. La carenza per il sistema di autismo è alta, nonostante la malattia colpisca 1 persona su 65 in Italia. Ci vuole personale preparato, ma l’attività che vorremo implementare è quella di attivare una stanza sensoriale, ovvero una stanza in cui sono presenti dei giochi di rinforzo e rilassamento (es. scivoli, giochi di luce con i led, giochi di colori e suoni, wall interattivi) che proprio perché costosi non sono ancora a disposizione. Abbiamo iniziato anche a collaborare con varie attività sportive e, in merito a questo, ci piacerebbe i nostri ragazzi possano assistere alle varie manifestazioni”. Lo faranno sin dalla finale di Gemona del 13 gennaio 2018, quando potranno sentirsi parte della grande famiglia calcistica regionale che, a sua volta, si sentirà parte di una associazione che va aiutata e sostenuta in qualsiasi maniera.

Per saperne di più ed, eventualmente, contattare l’associazione basta collegarsi al sito http://www.progettoautismofvg.org/pafvg/ 

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori