Home / Cronaca / A Genova sale il numero delle vittime: anche una coppia triestina tra i feriti nel crollo del ponte Morandi

A Genova sale il numero delle vittime: anche una coppia triestina tra i feriti nel crollo del ponte Morandi

Si tratta di Rita Giancristofaro, di circa 40 anni, e il suo compagno, Federico Cerne, 34, di passaggio sulla A10. Il cordoglio del presidente Sergio Mattarella

A Genova sale il numero delle vittime: anche una coppia triestina tra i feriti nel crollo del ponte Morandi

Si aggrava il bilancio del crollo del ponte Morandi a Genova, che questa mattina, poco dopo le 11.30 si è sgretolato inghiottendo decine e decine di automobili e mezzi in transito lungo l'autostrada A10. La Regione Liguria, in tarda serata, ha annunciato che domani "verrà ufficialmente chiesto lo stato di emergenza". Il Comune di Genova ha annunciato due giorni di lutto per Ferragosto e giovedì 16 agosto.

Le vittime

Il bilancio ufficiale comunicato dal Capo Dipartimento Borrelli parla di 39 morti e 15 feriti, di cui 9 gravi. Tra questi anche una coppia di origine triestina. Si tratta di Rita Giancristofaro, secondo quanto appreso, che si trovava di passaggio lungo la A10 in auto con il compagno, Federico Cerne, di 34 anni, fisioterapista dell'Alma Pallacanestro Trieste. Operata d'urgenza in ospedale non sarebbe in pericolo di vita. Sono stati messi in campo 330 operatori VVFF, 130 carabinieri, 40 uomini stradale, 100 della municipale, posto medico avanzato del 118 - fa sapere la Regione Liguria. Inviate sezioni operative, personale Usar e cinofili da Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Toscana. A Genova stanno lavorando anche i cani dei vigili del fuoco che hanno operato nel terremoto in Umbria e nelle altre regioni del centro Italia. Si tratta di quattro cani e quattro conduttori dei comandi di Perugia e di Terni che daranno il cambio al colleghi quattrozampe impegnati da questa mattina nelle ricerche di vittime ed eventuali superstiti.

Tutte le salme sono state trasportate al San Martino per il riconoscimento: 19 sono stati identificati in serata, 15 i feriti fra San Martino, Galliera e Villa Scassi. Evacuate oltre 600 persone da 11 palazzi vicini alla zona, ma in serata proseguiranno i controlli ele verifiche sulla sicurezza dell'area limitrofa all'incidente.

Nel tardo pomeriggio sul luogo della tragedia, dove centinaia di vigili del fuoco, volontari e tecnici continuano a scavare nella speranza di trovare ancora qualcuno in vita, è giunto il premier Giuseppe Conte che con il sottoscegretario al Ministero delle Infrastrutture Edoardo Rixi ha compiuto un sopralluogo e seguito da vicino la vicenda.
"Prosegue il sopralluogo nella zona del disastro del Ponte - scrive su Twitter Rixi -, ora insieme al presidente del consiglio Giuseppe Conte.

La Regione Friuli Venezia Giulia, poco dopo la tragedia, si è detta pronta a mettere in campo le sue forze e i propri volontari e mezzi della Protezione Civile per supportare Genova, profondamente colpita da questa tragedia. A dirlo lo stesso presidente della Regione Massimiliano Fedriga che ha contattato subito l'omologo ligure Toti. Il vicepresidente del Fvg, Riccardo Riccardi, ha invece avuto un filo diretto con la Protezione civile nazionale.

L'assessore regionale Giacomo Giampedrone ha ringraziato per gli aiuti offerti dalle altre Regioni: "Tragedia immane ma geograficamente limitata - scrive su Twitter -; Liguria ha tutti i mezzi necessari a disposizione. Ringrazio tutte le regioni che hanno offerto aiuto. Siamo però autonomi".

Mattarella: "Una disgrazia spaventosa e assurda. Gli italiani hanno diritto a infrastrutture moderne ed efficienti"
«È una catastrofe quella che ha colpito Genova e l’Italia intera - così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella -. Su persone e famiglie inermi si è abbattuta una disgrazia spaventosa e assurda.
Il primo pensiero – mio come di tutti gli italiani – va alle vittime, ai feriti, alle sofferenze e alle angosce dei loro familiari. A quanti oggi piangono per i loro cari, desidero esprimere il più sentito cordoglio, la mia vicinanza e, insieme, la solidarietà della Repubblica.
Un caloroso ringraziamento rivolgo a coloro che – sulle strade, tra le macerie, negli ospedali - si sono immediatamente prodigati e tuttora continuano a lavorare in condizioni di difficoltà, per salvare vite e per recuperare i corpi di chi è stato travolto.
Questo è il momento dell’impegno comune, per affrontare l’emergenza, per assistere i feriti, per sostenere chi è colpito dal dolore, cui deve seguire un esame serio e severo sulle cause di quanto è accaduto. Nessuna autorità potrà sottrarsi a un esercizio di piena responsabilità: lo esigono le famiglie delle tante vittime, lo esigono le comunità colpite da un evento che lascerà il segno, lo esige la coscienza della nostra società nazionale.
Gli italiani hanno diritto a infrastrutture moderne ed efficienti che accompagnino con sicurezza la vita di tutti i giorni.
I controlli, la cultura della prevenzione e l’intelligente ammodernamento del sistema delle comunicazioni, devono essere sempre al centro dell’azione delle istituzioni pubbliche e dei concessionari privati, a tutti i livelli».

Fedriga: "Siamo in pensiero per le condizioni dei feriti del Friuli Venezia Giulia"
"Siamo in pensiero per le condizioni dei feriti del Friuli Venezia Giulia che in queste ore sono ricoverati negli ospedali di Genova: la Regione è vicina".
Lo afferma il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, manifestando la vicinanza dell'amministrazione e della comunità regionale alle vittime e ai familiari delle persone coinvolte nel disastro del crollo del ponte Morandi sulla A10.
Tra i soccorsi sono due le persone di Trieste rimaste ferite a seguito dell'incidente mentre erano di passaggio con la loro auto per Genova: Rita Giancristofaro, di circa 40 anni, e Federico Cerne, di 34. La donna è ricoverata all'ospedale Galliera, dove ha subito una doppia operazione all'addome e al femore, mentre il trentaquattrenne è in codice giallo al reparto Ortopedia dell'ospedale Villa Scassi del capoluogo ligure.

Crollo ponte: Pd Fvg, comunità regionale unità in cordoglio
"In questi momenti, tutta la comunità regionale deve essere unita nella solidarietà e nel cordoglio. Le donne e gli uomini del Pd Fvg si stringono a chi è stato colpito". Così il segretario regionale del Pd del Friuli Venezia Giulia, Salvatore Spitaleri, il quale ha espresso "apprezzamento per l'immediata attivazione della Protezione civile regionale, pronta a offrire soccorso nella tragedia di Genova".

De Monte: "Tragedia immane"
"Oggi assistiamo a una tragedia immane, che lascia sgomenti e per la quale andranno verificate tutte le responsabilità. Alle famiglie delle vittime va il mio più profondo cordoglio e ai numerosi feriti, tra i quali una mia corregionale, va un abbraccio pieno di speranza". Lo afferma l'eurodeputata del Pd Isabella De Monte, commentando il drammatico crollo del ponte Morandi a Genova, che, secondo notizie di stampa, conta tra i feriti anche una donna triestina.
Secondo De Monte "è sconvolgente che in Italia, nel 2018, possano accadere simili fatti. Mi auguro che la magistratura e i tecnici possano constatare in tempi celeri le ragioni della tragedia e ogni eventuale responsabilità".
"La mia vicinanza va ai cittadini di Genova e a tutti i liguri, colpiti da un dramma immenso. Un grazie a tutti coloro che stanno lavorando intensamente per soccorrere i feriti e mettere in sicurezza l'area. E - conclude De Monte - l'augurio che chi oggi soffre negli ospedali della città possa tornare alla propria vita".

Il cordoglio: anche Macron vicino al popolo italiano
"I nostri pensieri vanno alle vittime, ai loro familiari e a tutto il popolo italiano - scrive Emmanuel Macron -‏. La Francia è vicina all’Italia in questa tragedia e rimane pronta ad apportare tutto il sostegno necessario".



Articoli correlati
1 Commenti
Tato54

Ritengo che una medaglia d'oro al valore civile per i vigili del fuoco in genere è per quelli di Genova in particolare sia il minimo che questo "stato" (?) debba riconoscere. Almeno questo, se non stipendi adeguati al loro lavoro, ritengo debba essere riconosciuto.

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori