Home / Cronaca / False fatture: l’agenzia di moda si difende

False fatture: l’agenzia di moda si difende

In una nota, Be Nice di Trieste spiega di aver già contestato l’accertamento dell’Agenzia delle entrate

False fatture: l’agenzia di moda si difende

L'agenzia di modelle Be Nice di Trieste, finita nel mirino delle Fiamme gialle per false fatture per oltre 500mila euro, si smarca dalle accuse. In una nota, la società giuliana spiega di aver già contestato l’accertamento dell'Agenzia delle entrate per l'anno 2012 e di essere pronta a mettere in discussione anche l’esito delle indagini penali, avviate dalla Procura di Trieste.

L’agenzia – molto nota in città per le numerose manifestazioni organizzate da anni – spiega che gli ingaggi dei personaggi dello spettacolo sono sempre avvenuti tramite un agente dello spettacolo, che ha regolarmente fatturato le sue prestazioni.

La contestazione fiscale (che ha portato al sequestro di 230mila euro), quindi, sarebbe legata al fatto che il fornitore non è in regola con il fisco. Circostanza della quale Be Nice non era a conoscenza. “Siamo fiduciosi nell'esito favorevole della controversia perché abbiamo sempre agito correttamente”, concludono dall'agenzia.

Articoli correlati
1 Commenti
luca-DUCK

Contesta o croce son calze rotte
Ricorrer si puo' ma il costo è quello
e "be nice" sembrano fuori col CAPPELLO!!!
Poi vedan loro che qua a nessuno frega una .....
di "be nice" ma se dividessero per i bisognosi quello SI!!!
Magari investono meglio questi ultimi!

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori