Home / Cronaca / Gela anche la laguna di Grado

Gela anche la laguna di Grado

Nonostante il freddo di questi giorni, gli animali continuano la loro vita abituale

Gela anche la laguna di Grado

Che bruta roba ‘l fredo, nona mia,

co no s’ha gnanche un fogo per scoldasse,

co se xe esuli e l’ànema vilìa

la xe doboto là per disperasse

Con queste parole, inserite nella poesia “Nevega”, il poeta gradese Biagio Marin descriveva il freddo invernale. Gelo che sembra essersi acuito in questi ultimi giorni e che ha portato nella laguna di Grado anche tanto ghiaccio. Stormi di oche selvatiche e cigni navigano tranquillamente attorno agli atolli gelati, creatisi nella notte con il gelo.

Gli animali della Riserva Naturale della Foce dell’Isonzo non ha subìto danni particolari: “Con la bassa marea - spiega un’operatrice del centro della riserva - l’acqua si ghiaccia più facilmente ma i volatili si spostano per cercare cibo, evitando così il ghiaccio. Ai cavalli della riserva ai quali dovesse mancare l'acqua potabile pensiamo direttamente noi fornendogliela ad una temperatura normale".

Foto Giuseppe Tavera

0 Commenti

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori