Home / Cronaca / La carrozza presidenziale inaugura la Sacile-Maniago

La carrozza presidenziale inaugura la Sacile-Maniago

Domenica 10 la riapertura della tratta ferroviaria. Lunedì 11 la prima corsa passeggeri sarà effettuata con il Minuetto 041

La carrozza presidenziale inaugura la Sacile-Maniago

E’ ormai iniziato il conto alla rovescia per la riapertura della Ferrovia Pedemontana nella tratta Sacile-Maniago. Un risultato storico per il quale la popolazione si è impegnata, grazie all’attività del Comitato pendolari Alto Friuli. Domenica 10 dicembre, la grande festa, con la prima corsa affidata al treno storico, la splendida vaporiera Gr 740.293, che trainerà sei carrozze d’epoca, tra cui quella presidenziale.

Si tratta di una delle undici carrozze del treno già Reale, risalente agli anni ’20, ricostruita dopo gli eventi bellici dalle Officine FS di Firenze Porta a Prato e di Voghera che andarono dal 1948 al servizio del Presidente della Repubblica. Dal 1989 la carrozza fa parte del Museo nazione ferroviario di Pietrarsa, dono del Presidente Francesco Cossiga.

“Ma le sorprese”, raccontano dal Comitato Pendolari, “non finiscono qui. La Direzione Fvg di Trenitalia ha accolto la nostra proposta e così lunedì 11 dicembre la prima corsa del servizio passeggeri Maniago-Sacile delle 5.52 sarà effettuata con il Minuetto 041, ovvero con il treno che sviò a Meduno il 6 luglio 2012. Ripartiamo da dove eravamo rimasti, non badando alla scaramanzia e consci che questo è solo il primo passo di un progetto molto ambizioso. Le criticità non mancano, dagli orari da correggere a un progetto turistico tutto da inventare ancora, vista l’assenza di un soggetto attuatore che non può essere individuato in Montagna Leader. Si tratta di una grande opportunità che ci viene data. Ora ci hanno ridato il treno, toccherà al territorio meritarselo!”.

1 Commenti
marco1917

Ora si vedrà se con numeri alla mano (Passeggeri) la spesa di riaprire la tratta con soldi pubblici ne è valsa la pena, oppure sarà l'ennesimo carrozzone che fa debiti che poi pagheremo noi. Sperin ben!

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori