Home / Cronaca / Quattro minorenni denunciati per spaccio di droga a Pordenone

Quattro minorenni denunciati per spaccio di droga a Pordenone

Quattro minorenni denunciati per spaccio di droga a Pordenone

Un 18enne di Sacile è stato arrestato. Sequestrati oltre 1.200 euro provento dell'attività illecita del gruppetto

Proseguono le attività di controllo del territorio nella città di Pordenone con particolare riguardo ai parchi ed alle zone verdi cittadine al fine di garantirne una serena e tranquilla fruizione a favore dei cittadini. Sabato 20 ottobre, alle ore 20.30 circa, un equipaggio della Squadra Volante, transitando in via Pola, notava tre ragazzi che armeggiavano con fare sospetto nei pressi di una panchina all’interno del parco Querini.

I poliziotti hanno controllato i ragazzi, tutti diciottenni, due dei quali affermavano di avere appena acquistato della marijuana dal terzo giovane presente, che è stato quindi identificato e trovato in possesso di 610 euro in banconote di vario taglio, evidente provento di spaccio.

A casa del giovane, residente a Sacile, sono stati trovati 179 grammi di marijuana, custoditi in una confezione di cellophane riposta su un armadio nel garage, assieme un bilancino di precisione digitale.

Sono state così eseguite ulteriori 4 perquisizioni personali e domiciliari nelle abitazioni di quattro minorenni, tutti di 17 anni e residenti in provincia di Pordenone. Nelle rispettive abitazioni sono state rinvenute in una 118 grammi di marijuana e un bilancino di precisione digitale, in un'altra 48 grammi di marijuana, in un’altra ancora 7 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione digitale e nell’ultima 3,38 grammi di marijuana. Sono anche stati sequestrati 615 euro verosimilmente provento dell’attività di spaccio dei 4 minorenni.

Al termine delle incombenze di rito, il neo 18enne sacilese è stato tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e sottoposto alla misura precautelare degli arresti domiciliari, mentre gli altri 4 ragazzi 17enni sono stati indagati in stato di libertà per il medesimo reato di illecita detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Trieste.

Per quanto concerne i due 18enni, sorpresi all’interno del parco Querini in compagnia dell’arrestato, accertato essere gli stressi acquirenti/consumatori,  sono stati segnalati alla Prefettura, quali assuntori di sostanza stupefacente.

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori