Home / Cronaca / Siluro sequestrato dalla Procura della Repubblica di Gorizia

Siluro sequestrato dalla Procura della Repubblica di Gorizia

Siluro sequestrato dalla Procura della Repubblica di Gorizia

Reperto consegnato in custodia alla Polizia Locale gradese

Procedono le indagini per quanto riguarda la questione del siluro ritrovato ad un centinaio di metri dal porto di Grado e il cui tritolo è scomparso a qualche miglio dalle coste gradesi. Un mistero attorno al quale c’è tutt’ora molta nebbia e sul quale è necessario fare luce. Proprio in mattinata, infatti, la Procura della Repubblica di Gorizia, con decreto del sostituto procuratore di Gorizia, Valentina Bossi, ha posto sotto sequestro il siluro nella sede della Polizia Locale di Grado che ora si è vista assegnare la custodia del reperto.

Il primo cittadino, Dario Raugna, che nei giorni scorsi aveva espresso sia preoccupazione che timori per l’eventuale utilizzo, nelle mani di malintenzionati, di una tale quantità di esplosivo, appresa la notizia del sequestro, si è recato immediatamente sul posto: “Non comprendiamo come mai le altre opzioni proposte, ovvero i magazzini comunali di Le Cove o il parcheggio della stazione dei carabinieri, che è peraltro presidiata ogni ora dalle forze dell’ordine, non siano state accettate. Già nella sede della Polizia Locale abbiamo seri problemi logistici per far sostare i mezzi comunali: ci mancava solo il siluro”, conclude Raugna.

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori