Home / Cronaca / Viabilità a nuovo e più sicura: mega-piano da 10 milioni

Viabilità a nuovo e più sicura: mega-piano da 10 milioni

Via San Valentino e via Piave, fino al confine con Cordenons, si rifanno il trucco

Viabilità a nuovo e più sicura: mega-piano da 10 milioni

Via San Valentino e via Piave, fino al confine con Cordenons, si rifanno il trucco, mentre a Torre arrivano le ‘zone 30’  per la moderazione del traffico, la vivibilità del quartiere e dell’ambiente. Questo il mega piano sulla viabilità approvato dal Comune di Pordenone. Il progetto preliminare è una tappa fondamentale dell’iter che condurrà alla realizzazione delle opere nel 2019 e 2020  e una ‘anticipazione’ a fine 2018 in zona San Valentino. “In ogni caso vogliamo completare tutto entro il 2020”, precisa il sindaco Alessandro Ciriani. I cantieri procederanno a lotti - con lavori completi infrastrutturali e viari su ogni lotto - per contenere il più possibile gli inevitabili disagi.
In tutto verranno messi in campo oltre 10 milioni di euro: il progetto rientra nel piano europeo ‘Agenda urbana’. Le opere sono finanziate dall’Unione europea (circa 4 milioni), dall’Amministrazione Ciriani (circa 3,185 milioni) e da Hydrogea su impulso del Comune (3,085 milioni) E poi riasfaltature, marciapiedi, illuminazione pubblica, 2,625 chilometri di nuove piste ciclabili e 3,660 chilometri di tratti a priorità ciclabile. In programma anche la posa della fibra ottica, una serie di punti wi fi e centraline per monitorare la qualità dell’aria e il passaggio di biciclette.

Si comincerà proprio con le opere infrastrutturali sotto il suolo. Successivamente verranno rifatti completamente la sede stradale e i marciapiedi (i parcheggi verranno mantenuti) con la creazione di una pista ciclabile sul lato delle scuole, protetta per entrambe le direzioni. L’illuminazione pubblica sarà sostituita con impianti ad alta efficienza e a basso impatto energetico e ambientale. Anche gli attuali alberi (diversi sono ammalati), le cui radici creano seri problemi ai marciapiedi e a parte della carreggiata, verranno rimpiazzati per migliorare il contesto urbano, scegliendo specie arboree il più possibile idonee all’assorbimento delle emissioni. A Torre, la prima ‘zona 30’ comprenderà le vie Galilei, Zara, Fermi e il primo tratto di via Stradelle. La seconda interesserà principalmente le vie Nazario Sauro, Borgo Casoni, il secondo tratto di via Stradelle e via del Poz. La terza riguarderà l’area tra le vie Carnaro, Generale Cantore, Baracca, Fontane e Calvi. Tra le opere previste ci sono le ciclabili in via Galilei, Carnaro, Generale Cantore e Baracca. Diversificati gli interventi in via Stradelle, dagli attraversamenti evidenziati ai restringimenti con le aiuole per tutelare l’utenza ‘debole’ e invitare le auto a rallentare.

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori