Home / Cultura / Al via 'Luci e Ombre della Grande Guerra'

Al via 'Luci e Ombre della Grande Guerra'

Successo per la prima serata. Appuntamento ora domani sera in Dolina dei Bersaglieri a Redipuglia

Al via 'Luci e Ombre della Grande Guerra'

Si è aperta giovedì scorso la dodicesima edizione della rassegna ‘Luci e Ombre sul Carso della Grande Guerra’. La suggestiva location della Dolina dei Bersaglieri ha fatto da palcoscenico ideale a Massimo Barbero e al Teatro degli Acerbi per lo spettacolo ‘Soldato Mulo va alla Guerra’, ispirato al libro di Lucio Fabi sugli animali nella Grande Guerra.

Un accurato sistema organizzativo messo in piedi dalla Pro Loco Fogliano Redipuglia ha garantito l’assistenza dei turisti forestieri: oltre alle persone prenotatesi per tempo, notevole il numero di turisti occasionali che, venuti a conoscenza dell’evento, vi si sono recati appositamente.

L’accoglienza è stata gestita dall’apposito infopoint, allestito proprio per l’evento con ricca disponibilità di documentazione, libri tematici e mappe su sentieristica e quant’altro relativo ai percorsi Grande Guerra.

Il gruppo degli Esperti Grande Guerra è rimasto a disposizione per soddisfare le richieste e curiosità dei forestieri mentre il gruppo dei rievocatori ha rappresentato scene ordinarie di vita da trincea.

Dopo i saluti istituzionali, la parola è passata all’associazione dinAmici che ha spiegato le linee realizzative del nuovo progetto per la neuropsichiatria infantile presso l’ospedale di Monfalcone, progetto per cui si stanno impegnando dai volontari, ai cittadini, alle istituzioni dei nove comuni coinvolti.

Marta Lollis ha ricordato quanto l’ex Presidente della Pro Loco, Franco Visintin, scomparso recentemente, abbia fatto per la comunità e come fosse per lui un punto imprescindibile proprio la tutela ed il bene della sua comunità.

Prima e dopo lo spettacolo nella Dolina come punto ristoro è rimasto a disposizione dei turisti un fornitissimo punto di degustazione delle eccellenze enogastronomiche del territorio che abbina quindi storia e cultura alla valorizzazione delle tipicità di una realtà territoriale variegata in perfetta sinergia con le linee guida del piano turistico della Regione Friuli Venezia Giulia e di Promoturismo.

Lo spettacolo basato su una ricostruzione scenica essenziale ben si è adatato alla location dell’ospedale militare da campo che, mediante l’uso sapiente delle luci e dell’audio ha toccato le corde più sensibili degli intervenuti.

Giuseppe Zabert, classe 1897, figlio di mezzadri, parte da Valfenera – come altri dieci tra fratelli e cugini – per andare a servire la Patria al fronte. La cartolina di precetto lo raggiunge in seminario, ma nemmeno la vocazione al sacerdozio risparmia al giovane di obbedire alla chiamata alle armi: dovrà confrontarsi anche lui con la disciplina militare, con condizioni di vita estreme, con il costante pensiero di morire o di dover uccidere. Assegnato ad un reparto di artiglieria alpina, ha per compagna la mula Margherita, alter ego animale che stimola domande sull’obbedienza e sul coraggio, sulla capacità di sacrificio, sull’insensatezza delle guerre. 

Una relazione, quella col mondo animale, che non è semplice convivenza, coabitazione forzosa, ma è identificazione dell’essere-uomo con l’essere-animale: è l’istinto di sopravvivenza a farla da padrone in trincea, è l’istinto di fuga che fa dell’uomo un disertore, è la fame che ti mangia da fuori e la paura che ti rode da dentro.

Nel mondo straziato dalla guerra la bestialità è caratteristica degli uomini, abbrutiti dalla violenza, mentre gli animali al fronte, coprotagonisti di episodi tragici o inaspettatamente sentimentali, rimangono l'ultimo baluardo di umanità e vita.

Si prosegue giovedì 12 luglio con l’Orchestra dei Fiati di Livenza con ‘Storie di gente e di fame’ e con la possibilità di usufruire, previa prenotazione, del trasporto pullman da Trieste e su richiesta da altre località per un percorso di visita di un’azienda vitivinicola e relative degustazioni prima dello spettacolo. Info e prenotazioni allo 0481 489139 o via mail all’indirizzo info@prolocofoglianoredipuglia.it 

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori