Home / Cultura / Anche la Carnia protagonista del Fai d'Autunno

Anche la Carnia protagonista del Fai d'Autunno

Sabato 13 Ovaro ospiterà i visitatori, accompagnati dagli studenti del Paschini di Tolmezzo

Anche la Carnia protagonista del Fai d\u0027Autunno

Il secondo weekend di ottobre il Fai, Fondo Ambiente Italiano, aprirà le sue porte anche in Carnia, più precisamente a Ovaro.


La sede di Tolmezzo capitanata da Patrizia Ciuffo assieme al patrocinio dei Comuni di Ovaro, Comeglians e Prato Carnico per quest’anno ha pensato di offrire al pubblico la possibilità di immergersi nella storia, con l’apertura dell’area archeologica e della chiesetta medievale di San Martino, molto importante per quanto riguarda le recenti scoperte del cristinesimo nella zona carnica.


Oltre a queste due aree sarà aperta la Pieve di Gorto, dedicata alla settecentesca chiesa del Canale di Gorto, che ospita al suo interno un ciclo di affreschi risalenti al XIII secolo e il vicino Museo della Pieve dove sono conservate testimonianze dell’arte sacra della Val Degano: bronzi, argenterie,tessuti carnici, paramenti, statue lignee e arredi. Inoltre saranno aperte eccezionalmente due storiche residenze private, il Palazzo Micoli-Toscano in località Mione, ottocentesca dimora di una dinastía che ha lasciato un’impronta nell’economia e storia del territorio e, infine, Casa Gressani, sede della Domus Carnica, esempio lampante di architettura abitativa appartenuta ai signori Lupieri, familia di medici, intellettuali e patrioti friulani.


Per quest’occasione gli allievi dei Licei Classico e Linguistico dell’Isis Paschini-Linussio di Tolmezzo guideranno i visitatori all’interno dei siti dedicandosi anche ai più piccoli, con letture animate e divertenti laboratori dedicati all’ambiente e alla tradizione carnica all’interno dei locali del Museo della Pieve Cella.


Le aree saranno aperte con ingresso libero e gratuito dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17, e anche per gli ospiti stranieri saranno possibili visite guidate in lingua inglese e tedesca a Palazzo Micoli Toscano e in lingua tedesca al Museo della Pieve. Per gli ospiti più volenterosi sarà possibile raggiungere Palazzo Micoli Toscano a piedi, percorrendo un sentiero lastricato che parte ai piedi della Pieve e sale fino al Mione.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori