Home / Cultura / I tesori privati dei nobili della Mitteleuropa a Grado

I tesori privati dei nobili della Mitteleuropa a Grado

Nel Grand Hotel Astoria sull’Isola d’oro, in mostra dipinti, disegni e documenti che raccontano due secoli di storia, dalla Repubblica veneta all’Impero degli Asburgo

I tesori privati dei nobili della Mitteleuropa a Grado

Dal leone di San Marco all’aquila bicipite’: è questo il titolo della mostra che la Galleria LegAntiqua di Gorizia allestisce a Grado nelle sale dello storico Grand Hotel Astoria da domenica 21 (vernice alle 19) e fino al 15 ottobre.

Il progetto espositivo, 19a edizione di Stampa Antica, è realizzato come tradizione in sinergia con la Biblioteca statale isontina. Sarà una narrazione di due secoli di storia attraverso la cartografia antica, preziosi dipinti, disegni e raffinati documenti provenienti dalle antiche casate nobili della Mitteleuropa e di altri paesi del continente. Saranno esposte carte geografiche e nautiche provenienti dalla biblioteca privata del feldmaresciallo Barone Bianchi Duca di Casalanza.

Fra le gemme, saranno visibili anche le carte personali dell’ambasciatore Daniele Andrea Dolfin, nobiluomo al servizio di Lodovico Manin, ultimo Doge di Venezia i cui avi nel Duecento si erano trasferiti in Friuli nella villa di Passariano.

Si tratta di testi stampati nella seconda metà del Settecento, carte che l’ambasciatore usava come strumenti di viaggio, in alcuni casi stampate su tela, e conservate in astucci in pelle bazzana con titoli impressi a secco in oro su tasselli in marocchino rosso.

"Documenti di rara bellezza e perfettamente conservati - sottolinea con orgoglio il gallerista Federico Ossola - provenienti da prestigiose collezioni private, concesse e in via del tutto straordinaria per la mostra mercato dell'Isola d'Oro".

Accanto alla sezione cartografica un secondo percorso di visita propone un'inedita collezione di dipinti e i disegni di Lino Selvatico, importante pittore veneziano, maestro della Belle époque, artista al quale i musei veneziani, fra i quali Ca' Pesaro, hanno dedicato importanti esposizioni.

I dipinti saranno contestualizzati nel fluire del periodo a cavallo fra i due secoli dalla presenza in mostra di disegni, manifesti, cartoline e fotografie. Sarà un viaggio nella storia, avvolti nella magia dell'arte e della raffinatezza di un epoca di grande fascino.

La mostra accoglie il visitatore all'ingresso del Grand Hotel Astoria e sarà visitabile, con ingresso libero, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 22. Nel ricco programma di eventi collaterali anche visite guidate gratuite, in italiano e tedesco, previa prenotazione allo 0481-537898 o 348-2557807.

0 Commenti

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori