Home / Cultura / Storie illustrate nel borgo più bello

Storie illustrate nel borgo più bello

‘Le immagini della fantasia’ è il titolo della selezione dei migliori lavori della mostra di illustrazioni per l’infanzia di Sarmede, “il paese delle fiabe”, da domenica 18 a Venzone

Storie illustrate nel borgo più bello

Da più di 35 anni, un piccolo centro della Marca Trevigiana, Sarmede, è diventato famoso in tutto il mondo come il ‘paese delle fiabe’ grazie a una mostra di illustrazione per l’infanzia di livello internazionale, fondata dal noto pittore, scrittore e illustratore boemo Stepan Zavrel, scomparso nel 1999 poco dopo la nascita della Fondazione che prende il suo nome. Ovvero, quella Fondazione Stepan Zavrel – Sarmede che ogni anno porta un centinaio di autori di tutto il mondo in Veneto a presentare le loro più recenti pubblicazioni per un affascinante viaggio – per grandi e piccoli - tra i linguaggi dell’illustrazione per l’infanzia e che ha scelto dal 2002 anche Venzone, “il più bel borgo d’Italia 2017”, come sede di una mostra a tema.
Da domenica 18 e fino al 6 maggio, a Palazzo Orgnani-Martina, ‘Le immagini della fantasia 34’ offre una selezione della mostra ‘madre’ di Sarmede, con una ventina di illustratori-artisti da tutto il mondo, presenti con le loro illustrazioni e i libri in cui sono riprodotte. Obiettivo: incentivare ragazzi ed adulti all’osservazione ed alla lettura, pensando alle generazioni che rappresentano il futuro – a cui vengono proposti visite guidate e laboratori didattici -, ma anche ai loro genitori, che hanno la possibilità di seguire specifici corsi di tecniche di illustrazione.
L’ospite d’onore della 17a edizione della mostra di Venzone è Guido Scarabottolo, grafico, illustratore nonché scultore dal segno netto e pulito, con grandi campiture di colore che attraggono immediatamente lo sguardo. Nei suoi libri spesso si avverte una riflessione sul lavoro dell’illustratore e dello scrittore e su come si può usare un libro: un’avventura sorprendente nel mondo della letteratura e dell’immagine.
Dal 2002, un incentivo alla lettura per i più giovani, ma ci sono anche corsi per adulti
Nella sezione Planetarium sarà invece possibile osservare gli studi di Gabriel Pacheco sulle opere di Antonio Canova e le sue ‘meravigliose favole’: miti dell’antichità classica, rivisitati riflettendo sul valore della bellezza. ‘Il mondo di Stepan Zavrel’ presenta con una fiaba profetica dipinta ad acquerello, ‘L’ultimo albero’, la storia di un bosco rispettato, poi saccheggiato ed infine pazientemente ricreato, per il tramite di due bambini e un germoglio.
Ricca la sezione a tema dedicata al Cile, che parte dal libro ‘Sulle ali del condor, fiabe dal Cile’, raccolta di otto fiabe popolari illustrate da italiani e cileni. Simona Mulazzani parla la lingua di Luis Sepulveda in alcuni dei suoi famosissimi testi per ragazzi; gli allievi della Scuola di illustrazione di Sarmede rendono visibili le suggestioni poetiche di Gabriela Mistral, premio Nobel cileno per la letteratura. Alcuni illustratori cileni costituiscono infine un particolare ‘Sguardo sul Cile’, un compendio in miniatura del loro Paese, spiegato con l’aiuto della lettura e dell’immaginazione.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori