Home / Cultura / Svelata l'edizione 2018 di PordenonePensa

Svelata l'edizione 2018 di PordenonePensa

Per i suoi 10 anni, dal 21 maggio al 3 giugno, ospiti Michele Santoro, Gad Lerner e Antonia Klugman

Svelata l\u0027edizione 2018 di PordenonePensa

2008/2018: PordenonePensa - rassegna di idee organizzata dal Circolo culturale Eureka in collaborazione con il Comune di Pordenone con il sostegno di Regione Fvg, Fondazione Friuli e numerosi sponsor privati - compie 10 anni, durante i quali ha avuto oltre 500 ospiti, organizzato più di 250 appuntamenti, toccato quasi tutti i comuni della provincia (senza contare lo spin off Giallo a Maniago e gli eventi dedicati ad anniversari e celebrazioni).
Il format nel tempo è cambiato assumendo la connotazione – e il sottotitolo - di Festival del Confronto; quello che si riconferma, di edizione in edizione, è la connotazione ideale della manifestazione, ovvero la volontà di avvicinare al pubblico i suoi personaggi preferiti, promuovendo una riflessione senza pregiudizi e ospitando i relatori esclusivamente per la loro caratura professionale.

L’edizione X, che si svolgerà a Pordenone dal 21 maggio al 3 giugno (e sarà seguita da una continuazione autunnale nel periodo ottobre/dicembre), è stata illustrata in sede di conferenza stampa dalla leader di Eureka Elena Ceolin, dal sindaco Alessandro Ciriani, dall’assessore alla Cultura Pietro Tropeano e dal consigliere regionale Alessandro Basso. Tra i presenti anche il disegnatore Emanuele Barison, già prestigiosa matita di Diabolik, Tex, Zagor, Disney, che ha fatto dono all’associazione dell’illustrazione che correda l’intera immagine grafica della rassegna.

IL PROGRAMMA. Il cartellone della rassegna prevede 10 appuntamenti con argomenti che spaziano dalla cultura all’attualità, dall’economia al lavoro, dalla musica alla cucina. Lunedì 21 maggio alle 20.30 all’ex convento San Francesco ci sarà il confronto tra il presidente del Vittoriale Giordano Bruno Guerri e il curatore della mostra di Illegio don Alessio Geretti, ovvero Il sacro e il profano, la bellezza, l’arte e la cultura raccontate da due punti di vista diametralmente opposti.

Martedì 22 alle 20.30 all’ex convento San Francesco l’ospite sarà Antonia Klugmann, donna tra i Masterchef dell’omonimo e noto programma di cucina. Ad intervistarla sarà il comunicatore Mirco Mastrorosa. Mercoledì 23 alle 20.30, sempre all’ex Convento, l’argomento sarà la legittima difesa. A fronteggiarsi, con la mediazione del vicedirettore del Tg1 Filippo Gaudenzi, saranno il direttore de La Verità Maurizio Belpietro e il giornalista di Panorama e opinionista Carmelo Abbate.

Giovedì 24 alle 20.30 all’ex Convento è di scena la musica, per una serata in collaborazione con Pordenone Blues Festival. Il direttore della rivista Il Blues Davide Grandi intervista il bluesman italiano più conosciuto in America e nominato ai Grammy Awards 2018, Fabrizio Poggi. Sabato 26 maggio alle 18 al Chiostro della Biblioteca Civica (ex Convento in caso di pioggia) lo psichiatra criminologo Massimo Picozzi e lo scrittore Gianluigi Nuzzi raccontano e analizzano i casi di nera che hanno coinvolto l’Italia e il Vaticano.

Domenica 27 maggio alle 18 all’ex Convento è previsto il confronto su economia e lavoro: Maurizio Castro, uno dei più noti esperti italiani di relazioni industriali e consulente dei Governi D’Alema, Ciampi, Berlusconi, si confronta con Tiziano Treu, ministro del Governo Dini, Prodi e D’Alema nonché inventore del “pacchetto Treu”, a favore della flessibilità contrattuale. A moderare il presidente di Unindustria Pordenone Michelangelo Agrusti.

Lunedì 28 maggio alle 20.30 nell’area esterna del Castello di Torre (ex Convento in caso di pioggia) si confrontano due grandi nomi del giornalismo italiano: da un lato il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti, dall’altro “L’infedele” Gad Lerner. Il giornalista di SkyTg24 Alessio Viola sollecita i due antagonisti a dibattere sui temi più caldi e attuali (politica, immigrazione, costume).

Mercoledì 30 maggio alle 20.30 all’ex Convento il dialogo è tra due reporter di guerra: da un lato Gabriella Simoni, inviata speciale di Mediaset da 30 anni per le Guerre del Golfo, Egitto, Rwanda, Somalia (insieme alla collega Ilaria Alpi), si occupa anche di cronaca nera; dall’altro lato Fausto Biloslavo, ultimo giornalista italiano ad intervistare il colonello Gheddafi, fotografo e inviato negli attuali teatri di guerra del Medio Oriente.

Giovedì 31 maggio alle 20.30 all’ex Convento gli intellettuali Marcello Veneziani ed Ernesto Galli della Loggia, moderati dal giornalista Edoardo Petiziol, si confronteranno su Nord e Sud, ovvero sulle cause e gli effetti del divario tra Settentrione e Meridione. A concludere la decima edizione, domenica 3 giugno alle 18 nell’area esterna del Castello di Torre (ex Convento in caso di pioggia) è un grande nome del giornalismo italiano, Michele Santoro. Stuzzicato dall’inviato di Libero Filippo Facci, il conduttore di Anno Zero e M risponde ad un fuoco di domande sull’informazione e consegna le pagelle alle nuove leve del giornalismo.

Come ogni anno l’entrata a tutti gli appuntamenti è gratuita. Programma integrale su www.pordenonepensa.it

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori