Home / Economia / Card Tech: impronta digitale al posto del codice Pin

Card Tech: impronta digitale al posto del codice Pin

Crédit Agricole FriulAdria sostiene la start-up udinese nella produzione delle carte di pagamento del futuro

Card Tech: impronta digitale al posto del codice Pin

I pagamenti digitali, tramite le normali carte di debito e di credito, sono una comodità a cui tutti i clienti bancari sono abituati da anni. La mission di Card Tech, startup udinese, è renderli più sicuri ed ancora più pratici, sostituendo il codice pin con il riconoscimento dell’impronta digitale dell’utente. Infatti, questa evoluzione delle carte di pagamento si attiva e funziona solamente se, dopo aver strisciato il dito sulla superficie della carta, l’impronta dell’utente è riconosciuta come quella del legittimo proprietario.

Questa tecnologia è stata sviluppata e brevettata in tutto il mondo da Card Tech e permetterà di ridurre sensibilmente il numero delle frodi, senza bisogno di modifiche all’attuale infrastruttura di pagamento, permettendo agli istituti finanziari di dedicare le risorse così risparmiate a servizi innovativi per il cliente.

La sua unicità consta nella modalità di gestione del dato biometrico, che viene elaborato all’interno del dispositivo senza necessitare di database centrali. Così, l’utente potrà godere di una maggiore sicurezza durante i suoi acquisti, assieme ad una migliore usabilità, infatti non servirà più ricordare il pin in quanto sostituito dal riconoscimento biometrico. La tecnologia di Card Tech sarà applicata non solamente al mondo dei pagamenti ma anche a quello dell’identificazione aziendale, dove il dispositivo potrà essere usato come badge per il controllo accessi fisico e logico, e nell’identificazione nazionale, dove si sta lavorando per creare la carta di identità biometrica con un importante ente governativo.

Crédit Agricole FriulAdria, da sempre attenta alle realtà del territorio, si conferma partner di riferimento anche per il mondo delle pmi innovative che spesso incontrano maggiori difficoltà di accesso al credito. L’intervento di FriulAdria permetterà a Card Tech di alimentare la prima fase di un ambizioso piano di crescita, al termine del quale è previsto l’avvio dei progetti pilota, durante il 2017. Dopo aver stretto accordi con uno dei principali player globali nel mercato della produzione di smart card ed un secondo accordo con uno dei circuiti di pagamento, la carta di credito biometrica potrà finalmente giungere al mercato, soddisfacendo le molteplici richieste pervenute che ad oggi ammontano a decine di milioni di dispositivi. I primi ambiti di utilizzo della nuova smart card biometrica saranno dei progetti di inclusione finanziaria, per permettere una sicura identificazione del cittadino nei paesi emergenti, ed nel settore del controllo accessi in importanti organizzazioni governative europee.

Il raggiungimento dell’accordo è stato agevolato dall’avvocato Alberto Bertossi, dello Studio Bertossi Carnelutti & Cliselli, che fin dagli inizi della trattativa ha prestato la propria consulenza e ha curato professionalmente l’evolversi del negoziato fino alla sua definizione. L’operazione di debito, controgarantita da Confidimprese Fvg, curata da Marco Della Mora, è parte di una strategia di funding supportata da un advisor internazionale, che vedrà come prossimo passo la scelta di una delle opportunità di investimento equity già in corso di trattativa. Le fasi di sviluppo successive permetterà di avviare la produzione in scala e il successivo incremento della capacità produttiva.

“Crédit Agricole FriulAdria è il partner ideale - dichiara Fabrizio Borracci, amministratore di Card Tech – nel doppio ruolo di investitore, in una prima fase, e potenziale beneficiario della nuova tecnologia di pagamento in una fase successiva. Il debito è un’opportunità di difficile accesso per le startup in quanto il merito creditizio non è facilmente definibile, sebbene in presenza di una forte domanda da parte del mercato. In FriulAdria abbiamo trovato una flessibilità ad un’apertura che non abbiamo trovato in altri istituti”.

“I segnali di ripresa economica che provengono dal tessuto produttivo locale passano attraverso iniziative imprenditoriali innovative come quella di Card Tech", osserva il direttore territoriale di Crédit Agricole FriulAdria Carlo Zucchella. "Il nostro compito, non sempre facile, è quello di individuare i progetti migliori a aiutarli a crescere. In questo caso si tratta di una tecnologia che potrebbe rivoluzionare l’intero settore delle carte di pagamento portando al massimo il livello di sicurezza”.

0 Commenti

Politica

Sport

Spettacoli

Cultura

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori