Home / Economia / Piano industriale da 7 milioni di euro per rilanciare la Snaidero

Piano industriale da 7 milioni di euro per rilanciare la Snaidero

Il nuovo Ad Manelli svela la strategia. Però a Majano i lavoratori in esubero sono un centinaio

Piano industriale da 7 milioni di euro per rilanciare la Snaidero

Un piano di investimenti per i prossimi quattro anni da 7 milioni di cui metà sullo stabilimento produttivo di Majano. È con questo biglietto da visita che si è presentato il nuovo amministratore delegato della Snaidero, Massimo Manelli (nella foto), a cui il fondo di investimento della famiglia De Agostini ha affidato il rilancio della storica azienda di cucine dopo l’acquisizione avvenuta a luglio.
In occasione dell’incontro con la rete commerciale e l’open day aperto al pubblico, svoltisi oggi a Majano, Manelli ha potuto entrare nei dettagli del piano di rilancio. Crescita soprattutto all’estero, anche potenziando la rete di negozi monomarca nei Paesi di maggiore crescita economica, efficientamento dei costi produttivi, aumento ulteriore della componente contract in cui Snaidero già gode di buone commesse.

Sarà necessario da subito intervenire sul livello occupazione. Manelli stima gli esuberi in massimo un centinaio, concentrati nello stabilimento di Majano dove lavorano 400 persone, mentre il gruppo complessivamente conta 800. Si procederà con le uscite in maniera soft, dialogando con i sindacati, privilegiando chi è prossimo al pensionamento e avendo a disposizione l’appoggio della Regione per quanto riguarda il ricollocamento e la formazione.

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Spettacoli

Sport news

Politica

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori