Home / Gli speciali / Telefriuli e il Friuli ricordano il quarantennale del terremoto

Telefriuli e il Friuli ricordano il quarantennale del terremoto

Parte oggi, giovedì 5 maggio, alle 17, la lunga maratona televisiva dedicata al sisma che, la notte del 6 maggio 1976, portò morte e distruzione

Telefriuli e il Friuli ricordano il quarantennale del terremoto

Parte oggi, alle 17, la lunga maratona televisiva di Telefriuli, “Ricordare il futuro”, per raccontare in presa diretta le celebrazioni per il quarantennale del sisma in Friuli. Tutto partirà dal duomo di Gemona, dove giovedì 5 una trentina di vescovi concelebreranno la messa, ricordando anche monsignor Alfredo Battisti, il vescovo del sisma che all’epoca commentò con parole accorate e che ancora oggi mettono i brividi ciò che era successo: “Con la scossa di maggio è stato distrutto il Friuli, con quelle di settembre sono stati distrutti i friulani, che non hanno chiesto niente a nessuno, perché non c’era tempo da perdere neanche per piangere”.
Fu fatta valere l’identità che caratterizza la reazione di un popolo, che con le mani scavò per giorni sperando di salvare qualche vita umana. Bisognò fare di necessità virtù, perché molte macchine operatrici non era più utilizzabili essendo rimaste sepolte sotto i crolli.

Programmi e dirette tv
I collegamenti televisivi, poi, proseguiranno la sera del 5 maggio quando dalle 21 andrà in onda la trasmissione Friuleconomy, durante la quale ci sarà un approfondimento sulla rinascita del tessuto produttivo e la ripartenza delle aziende piegate dal sisma.
Venerdì 6 maggio, la giornata dell'anniversario, a Ore7 sarà ospite Paolo Medeossi, ancora approfondimenti nella giornata più solenne che vedrà il momento più alto alle 10.30 quando a Gemona arriverà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Capo dello Stato giungerà nel loggiato del Comune accolto dal sindaco Paolo Urbani e poi effettuerà una camminata sino al Duomo per una visita.

Venerdì Il Friuli in edicola con una copertina d'autore
Il settimanale Il Friuli venerdì 6 maggio sarà in edicola con una copertina da collezione. Un’opera realizzata per l’occasione dal celebre artista Giorgio Celiberti. Un inedito che il giornale condividerà con tutti i friulani, mentre nelle pagine interne saranno pubblicati i brani più toccanti scritti all’epoca da cronisti impegnati tra le macerie: firme del calibro di Giorgio Bocca, Sergio Gervasutti, Enzo Biagi, Cesare Marchi e anche padre David Maria Turoldo. Questa è un’ulteriore iniziativa per onorare la ricorrenza, dopo che la scorsa settimana in allegato al settimanale è uscito l’Album fotografico “Morte e rinascita di una terra” con immagini emblematiche ed emozionanti, molte delle quali inedite.

Simulazione in ateneo
La giornata del ricordo con Telefriuli proseguirà con la proposta di servizi pre-registrati e un collegamento con l’Università di Udine dove, nella mattinata, in tutte le sedi dell’ateneo ci sarà una evacuazione con la simulazione di una scossa. Un’altra finestra si aprirà nel telegiornale dalle 13 con un’edizione più ricca che fornirà alcune anticipazioni degli eventi del pomeriggio e farà un primo bilancio della visita di Mattarella. Ci saranno interventi in diretta dal loggiato del municipio di Gemona che offriranno i ricordi di chi, sporco di calcinacci, non mollava i guanti e il piccone perché bisognava continuare a scavare. Tutti a prodigarsi per liberare chi era bloccato sotto pesi notevoli con la circolazione del sangue bloccata. Ai microfoni interverrà anche Elio Carchietti, già direttore regionale del servizio di emergenza 118 e all’epoca del terremoto fra i primi a intervenire sui luoghi disastrati. Un professionista che già negli speciali di Telefriuli ha evidenziato come al tempo si percepiva una cosa stranissima, un’empatia, una condivisione sofferta, quando arrivava un ferito in pronto soccorso: c’era una mobilitazione generale, non per curiosare, c’era un valore estremo. Ogni volta che giungeva un ferito voleva dire che c’era un sopravvissuto che aveva superato l’abbraccio mortale del sisma.

I rintocchi alle 21.06
Sempre venerdì 6 maggio, dalle 19 all’interno del telegiornale serale, ancora collegamenti contestuali alle trasmissioni Meteoweekend e Sentieri Natura. Alle 21.06 verranno mandati in onda, sempre da Gemona, le immagini del momento più intenso e cioè i 400 rintocchi in ricordo delle quattrocento vittime registrate in quella cittadina; seguirà la processione prima verso il Duomo e poi verso il cimitero, poi fino alle 22.30 continui collegamenti ancora per ricordi, memorie e interventi di chi il terremoto non l’ha mai dimenticato e mai potrà dimenticarlo.

daniele.paroni@telefriuli.it

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori