Home / Green / Consumo di suolo: l’allarme di Coldiretti

Consumo di suolo: l’allarme di Coldiretti

Il Friuli Venezia Giulia è quinto in Italia, come rileva l’edizione 2017 del Rapporto Ispra

Consumo di suolo: l’allarme di Coldiretti

Il Friuli Venezia Giulia è la quinta regione italiana per consumo di suolo. Lo evidenzia l’edizione 2017 del Rapporto Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), un quadro aggiornato dei processi di trasformazione del territorio. Nel 2016, in 15 regioni viene superato il 5% di consumo di suolo, con il valore percentuale più elevato in Lombardia e in Veneto (oltre il 12%) e in Campania (oltre il 10%). Seguono Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Puglia e Liguria, con valori compresi tra l’8 e il 10%.

Il dato del Fvg è 8,9% (con picchi del 23,1% in provincia di Trieste e del 14,1% in provincia di Gorizia), per un totale di 69.927 ettari, 49 in più dell’anno precedente. Il valore pro capite è pari a 573 contro una media italiana di 380.

Ancora nel dettaglio Fvg, i comuni con maggiore consumo di suolo in percentuale rispetto alla superficie sono Monfalcone (49,2%), Udine (42,1%) e Pordenone (40,5%), mentre in valore assoluto spiccano Trieste (30 chilometri quadrati), Udine (24) e Pordenone (15). Il più alto consumo pro capite si riscontra poi a Drenchia (5.031 metri quadrati per abitante), Dogna (4.476) e Barcis (4.059).

"I dati rimangono preoccupanti – commenta il presidente di Coldiretti Fvg Dario Ermacora – e si collegano a un trend italiano che ha visto negli ultimi 25 anni il venir meno di un quarto della terra coltivata per colpa della cementificazione e dell’abbandono, il risultato di modelli di sviluppo che non condividiamo. Non dimentichiamo tra l’altro i costi occulti conseguenti all’erosione visto il valore ecosistemico dell’agricoltura in termini di produzione, stoccaggio del carbonio, protezione dell’erosione, prevenzione danni provocati dalla mancata infiltrazione dell’acqua e salvaguardia degli impollinatori".

Una proposta? "Lavorare anche sul recupero delle aree dismesse: penso a quella produttive ma anche ai sedimi stradali: perché non bonificare le vecchie strade nella fase di costruzione della nuova viabilità?".
La Valle d’Aosta, si legge ancora nel Rapporto, è l’unica  regione rimasta sotto la soglia del 3%, mentre la Lombardia detiene il primato anche in termini assoluti, con quasi 310mila ettari del suo territorio coperto artificialmente (circa il 13% dei 2,3 milioni di ettari del consumo di suolo nazionale è all’interno di quella regione).

QUI IL LINK ALLO STUDIO NAZIONALE

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori