Home / Gusto / Pronti, via! Parte la stagione dell'asparago selvatico istriano

Pronti, via! Parte la stagione dell'asparago selvatico istriano

Per celebrarlo una rassegna nei ristoranti e due eventi di piazza tra marzo e maggio

Pronti, via! Parte la stagione dell'asparago selvatico istriano

Tra i prodotti più apprezzati dell’Istria, gli asparagi selvatici vengono raccolti tra metà marzo e fine maggio. È questo il periodo in cui si moltiplicano feste e manifestazioni a Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie, per degustare questo ortaggio appena colto e abbinarlo agli altri prodotti tipici della cucina locale. Dal 21 marzo al 14 maggio ad accogliere i visitatori ci sono le Giornate dell’asparago istriano, mentre il weekend 21-23 aprile a Castelvenere si tiene la tradizionale Sparisada, mentre il 28 aprile è la volta della Festa degli asparagi a Cittanova.  

La primavera inizia con l’asparago - In concomitanza con la primavera arrivano le Giornate dell'asparago istriano, organizzate dal 21 marzo al 14 maggio 2017 a Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie. Ristoranti e trattorie accolgono gli ospiti con prelibatezze a base di asparagi, nella tipica atmosfera di cordialità che contraddistingue questi luoghi.
Un’ottima occasione per i veri appassionati di cucina per gustare piatti a base di asparago selvatico: dai grandi classici della tradizione istriana come frittate, zuppe, pasta fatta in casa e risotti, alle originali combinazioni che vedono gli asparagi preparati con carne e pesce o addirittura come squisiti dessert. Il gusto leggermente amarognolo che contraddistingue l’asparago selvatico, il suo sapore intenso, abbinato alla freschezza dei prodotti tipici dell’Istria, sapranno entusiasmare anche i palati più fini. Non c'è famiglia in Istria che con l’arrivo della primavera, tra metà marzo e metà maggio, non si diletti a cercare nel bosco i primi germogli verdi dell’asparago istriano. In passato gli asparagi venivano raccolti dai pastori istriani che, per aiutare la famiglia contadina, portavano a casa fasci di asparagi selvatici legati insieme con la ginestra. Oggi l’abitudine di “andar per asparagi” è un gradito svago per gli abitanti di questi luoghi, che oltre a passare alcune ore in movimento all’aria aperta, concludono la passeggiata con un pasto sano e appetitoso. 

L’asparago, simbolo di Castevenere - Vicino a Buie, in cima a un colle a 123 metri di quota sorge Castelvenere, la cui posizione offre al visitatore uno spettacolare panorama sulla valle del Dragogna. Castelvenere è da sempre legata alla manifestazione primaverile: la Sparisada, dedicata all’ortaggio simbolo della località. Quest’anno prevista per il weekend 21-23 aprile, la festa dell’asparago riserva degustazioni per i buongustai, ma anche programmi culturali, d’intrattenimento e sportivi, come escursioni ciclistiche e camminate. Sempre molto partecipata è la gara alla ricerca dell’asparago più lungo! Buona tavola e divertimento assicurati.

Asparagi e passeggiate a Cittanova - A Cittanova la giornata per eccellenza dell’asparago è venerdì 28 aprile 2017. La Festa degli asparagi prevede degustazioni di piatti a base del tipico prodotto istriano, accompagnato ad altre leccornie della cucina locale, tra cui i pregiati vini e oli di oliva. Ad allietare la serata ci sarà anche un mercato con agricoltori e produttori istriani dove sarà possibile acquistare, a prezzi promozionali, ottimi oli extravergini d’oliva, formaggi e prodotti caseari, prosciutto e salami, pasta fatte in casa e dolci tipici. Sarà inoltre allestita anche una mostra di souvenir originali mentre un programma musicale e d’intrattenimento accompagnerà l’evento. Durante il weekend anche i ristoranti metteranno a disposizione menu tematici con piatti a base di asparagi, dalla classica frittata, al risotto, alla zuppa fatta in casa. Da non perdere, dopo un buon pranzo a base di asparagi, è la passeggiata cinta dalle mura che si snoda lungo la spiaggia. L’abbinamento non così comune delle mura cittadine e del mare caratterizza Cittanova e rappresenta anche le due anime della cittadina. Da una parte il popolare Mandracchio, considerato nei tempi il più sicuro porto di tutta la Croazia e per questo divenuto così famoso, oggi simbolo del borgo di pescatori. Dall’altra il centro storico con edifici e palazzi che risalgano alle varie epoche, da quella paleocristiana alla gotica, dal Medioevo a quella veneziana. Frammenti di storia, preservati proprio dalla presenza delle mura, trovano collocazione nel Museo Lapidarium, che raccoglie elementi architettonici dal I al XVIII secolo.

0 Commenti

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori