Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, 2 dicembre 2016

Il Friuli in edicola, 2 dicembre 2016

Il Friuli in edicola, 2 dicembre 2016

In regione più cani che bambini: i Fido sono 190mila

In regione più  cani che bambini: i Fido sono 190mila - Il numero degli animali da affezione, a differenza della natalità, rimane stabile. Però per la loro cura si spende sempre di più.
Abitano con noi, nelle nostre case, ci tengono compagnia e sono a tutti gli effetti considerati membri della famiglia, viziati e coccolati da mamma e papà: stiamo parlando di Fido e Fufy. In regione, dove la natalità continua a diminuire, ci sono più cani che bambini in età pediatrica. Basta guardarsi in giro, mentre si passeggia in città o nei centri commerciali. Sempre più musetti pelosi fanno capolino da appositi passeggini per cani, spinti da quelle che si considerano ‘diversamente mamme’, tra un pizzico di autoironia e forse troppa serietà.
Leggi il resto nel numero in edicola

Animali tutelati  anche sulla carta - Oltre il referendum: le proposte di modifica della Costituzione italiana riguardano anche gli amici a quattrozampe, per i quali si chiede il formale riconoscimento dei diritti
La Costituzione italiana non può riposare sugli allori. Dopo il voto referendario sulla proposta di riforma della Carta fondamentale dello Stato (con tutto il codazzo di polemiche politiche, di accesa campagna elettorale, di scontri, di voltagabbana e di indecisione), all’orizzonte prende forma una nuova mozione per modificarla. A presentarla è Michela Vittoria Brambilla, deputata di Forza Italia che dei diritti degli animali ha fatto da tempo una sua battaglia politica e personale.
Leggi il resto nel numero in edicola

Natalità delegata  agli stranieri - A Udine e Pordenone quasi un bambino su due ha un genitore straniero. Ma secondo l’assessore Torrenti è proprio sulla tenuta demografica che si gioca l’equilibrio di tutto il sistema.    >> di maria ludovica schinko
Un bambino su cinque, nella nostra regione, ha almeno un genitore straniero. Guardando i nati nel 2015, quelli con almeno la mamma o il papà non friulani sono il 44 per cento a Pordenone e il 41 per cento a Udine. Questo dimostra come “la composizione della nostra società sia multietnica e complessa”. Così l’ha definita Gianni Torrenti, assessore regionale alla Solidarietà, commentando i dati dell’ultimo Rapporto sull’Immigrazione in Friuli Venezia Giulia. L’assessore, però, va oltre i numeri, perché “i dati non valgono solo come importante monitoraggio statistico, ma devono essere uno strumento per fronteggiare la necessità urgente di governare meglio i processi di integrazione”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Opere pubbliche: per il 2017 a Udine una lista di lavori da 25 milioni di euro - Nella lista dell’assessore Scalettaris sia cantieri previsti nei bilanci pluriennali, sia nuovi interventi. Ma nel documento finanziario di palazzo D’Aronco, che dovrebbe essere approvato alla fine di febbraio, ci potrà essere spazio anche ad altre iniziative
Lavori pubblici a Udine, per il 2017 ci saranno opere per 25 milioni di euro (erano 22 quelli stanziati per il 2016). Ed è davvero nutrita la ‘lista della spesa’ di palazzo D’Aronco da mettere a bilancio per il prossimo anno. Si va dalla riqualificazione della zona di via Cividale al ridotto del Giovanni da Udine, recuperato dall’anno scorso, passando per scuole, impianti sportivi, biblioteche e la pedonalizzazione del centro cittadino. “Si tratta - spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Pierenrico Scaletaris - di una lista che comprende le opere già previste dai bilanci pluriennali e di alcuni interventi che riteniamo rilevanti. Il Bilancio comunale per il 2017 dovrebbe essere approvato verso la fine di febbraio e abbiamo cominciato a considerare ciò che potrà essere inserito nel documento finanziario. Va detto che questo è il ‘minimo sindacale’: nelle prossime settimane valuteremo anche l’inserimento di altri interventi”.
Leggi il resto nel numero in edicola

bollicine  record Spumanti La Delizia  da giro del mondo. E torna Friulvini - Casarsa - La linea Naonis ha venduto quest’anno un milione di bottiglie in Italia e approda in prestigiosi hotel e ristoranti. La SassTer volerà con l’Alitalia. Intanto la Cantina è pronta a rilanciare lo storico marchio friulano. E sulla Ribolla gialla ci potrebbe presto essere un nuovo progetto
Dai migliori ristoranti d’Italia a quelli di St. Mortiz, perla del turismo invernale in Svizzera. Dai party esclusivi di New York a quelli di Mosca passando per tutte le grandi capitali d’Europa. Sono solo alcuni dei prestigiosi luoghi in cui si può brindare con i vini dei Viticoltori Friulani La Delizia, la più grande cantina del Friuli Venezia Giulia, con sede a Casarsa della Delizia, che celebra un 2016 ricco di successi commerciali e lancia nuovi progetti per il 2017.
Leggi il resto nel numero in edicola



 

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori