Home / Politica / Il consiglio comunale di San Canzian si unisce sul caso della scuola elementare

Il consiglio comunale di San Canzian si unisce sul caso della scuola elementare

Approvato quanto proposto dal consigliere Puntin. Assise però ancora divise

Il consiglio comunale di San Canzian si unisce sul caso della scuola elementare

Il consiglio comunale a San Canzian ha visto poste “per la prima volta all’ordine del giorno tutte le interpellanze proposte dal gruppo consigliare A sinistra. Si è provato a parlare anche qui per la prima volta secondo noi”, racconta Rossana Puntin del gruppo A Sinistra San Canzian, “dall’inizio di questa legislatura di contenuti, seppur glissati più possibile dal Sindaco Fratta, il quale ha anche provato in malo modo in due occasioni ad impedire alla consigliera Puntin di poter spiegare le motivazioni per le quali non era soddisfatta delle riposte date, in particolare in relazione al futuro del Polo commerciale e al futuro della Biblioteca di San Canzian”. Il gruppo A sinistra attacca la giunta, sottolineando “l’urgenza che l’atteggiamento di chiusura ad ogni dialogo e il tentativo continuo di usare il vetusto regolamento comunale e appigliarsi ad ogni scusa burocratica per non parlare e discutere in Consiglio comunale sia fuori tempo massimo e riveli una grande fragilità di contenuti e di capacità da parte di questo gruppo dirigente, che sa troppo spesso solo urlare ed alzare la voce”. “Tale atteggiamento” secondo il gruppo di minoranza, “porta l’elettorato ed i cittadini ad allontanarsi, non crea aggregazione né comunità, ma rafforza solo la necessità di opporsi a tali atteggiamenti”

Approvata, invece, all’unanimità la mozione sull’attivazione di un percorso “quanto più possibile partecipato e la elaborazione di strategie innovative ed eccezionali per la salvaguardia della scuola elementare di S. Canzian, e non solo per quest’anno, ma sul lungo periodo, dato il calo demografico in vista”. Puntin ha proposto di innovare per rilanciare la scuola e renderla interessante per tutto il basso Isontino, “per esempio pensando all’attivazione di un percorso educativo guidato dalla pedagogia Montessori. Non serve riproporre quanto già c’è a Pieris, bisogna pensare a misure eccezionali e a proposte educative che possano attrarre i genitori da tutta l’area. A tale scopo è stata investita la specifica commissione scuola”. Secondo A Sinistra “è stato il momento forse più alto del consiglio comunale di questi ultimi mesi dove l’Aula è riuscita finalmente a svolgere il suo ruolo di confronto e proposta, lasciando parlare i consiglieri di minoranza e registrando anche interventi dagli altri consiglieri della maggioranza”. “Così si dovrebbe lavorare sempre” conclude il gruppo, “e SanCanzian, se fosse così gestito, sarebbe probabilmente un altro paese, molto più ricco di idee e proposte. A sinistra ha anche votato prima tra i firmatari, dopo la maggioranza, la mozione di sostegno a Honsell contro l'ignobile atto intimidatorio che ha subito, proposta dal consigliere Malaroda”.

Soddisfatta anche dell’esito delle decisioni dell’assise sul futuro della scuola di San Canzian anche Giorgia Deiuri, del gruppo Per San Canzian, anch’essi in minoranza. “Si è deciso di riscrivere congiuntamente la mozione presentata dal consigliere Puntin, coinvolgendo la commissione scuola nella creazione di proposte di valorizzazione, creando anche moduli specifici che possano rendere più attrattiva l’offerta formativa e ovviamente comunicandola adeguatamente alla comunità. Sono molto soddisfatta del risultato finale” prosegue Deiuri, “aver spinto, insieme ai genitori, l’amministrazione a essere proattiva su un tema sul quale avrebbe confermato la sua costanza passività”.

Deiuri ricorda anche il caso del centro faunistico di Damiano Baradel e la costituzione a parte civile nei processi amianto, che, conclude Deiuri, “firmata da tutta la minoranza, dopo un tentativo iniziale di indurci a ritirarla, è stata approvata all’unanimità”.

0 Commenti

Cronaca

Spettacoli

Sport news

Economia

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori