Home / Politica / Rimborsi Inail: milioni di euro negati alle Coop e alle imprese del Fvg

Rimborsi Inail: milioni di euro negati alle Coop e alle imprese del Fvg

Pellegrino (Leu-Sinistra Italiana) chiede chiarezza al ministro Poletti

Rimborsi Inail: milioni di euro negati alle Coop e alle imprese del Fvg

"In Friuli Venezia Giulia valgono qualche milione di euro le eccedenze dei premi versati all’Inail e attesi da società e cooperative che hanno richiesto i rimborsi, e in alcuni casi hanno anche ormai ritenuto di far intervenire la magistratura. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha conservato pieni poteri, nonostante lo scioglimento delle Camere, e quindi ci attendiamo che risponda finalmente all’interpellanza con cui si domanda chiarezza su una questione annosa e diffusa in tutta Italia e si riconosca quanto le norme vigenti, le circolari ministeriali e la Carta dei Servizi dell’Inail stesso peraltro già prevedono.
Cioè il diritto ad ottenere i premi assicurativi versati in eccedenza, a causa di errori materiali o a causa del meccanismo detto di regolazione passiva, e richiesti dalle aziende nei tempi e nelle modalità previste dalla legge."

Lo spiega la parlamentare Serena Pellegrino ( LEU – Sinistra Italiana) che aveva già interrogato il Ministro Poletti lo scorso 5 dicembre senza ricevere una risposta.
“La sostanza dell’attuale interpellanza non cambia rispetto l’interrogazione clamorosamente inevasa: il Ministero prenda atto che l’Inail sulla questione dei rimborsi sta quanto meno improvvisando, tanto più che alcune richieste di rimborso dei premi versati sono state accolte.
Perché alcune e non tutte?
Perché la questione dei rimborsi viene confusa, a quanto risulta, con quella dell’erronea classificazione delle attività?
Ci venga anche spiegato perché, da 17 anni a questa parte, l’Inail non è ancora riuscito ad applicare la norma del decreto ministeriale del 2000 che abolisce il cosiddetto tasso ponderato.  Infatti permangono in Italia migliaia di posizioni territoriali assicurative non aggiornate: analogamente alla questione dei rimborsi, si tratta di una gestione commisurata su ere geologiche o di un sistema che produce discriminazione e violazione di diritti?”
“Stiamo parlando di cooperative e società che operano nei settori della portualità, della logistica avanzata, del commercio, dei servizi, del sociale, per le quali le ingenti risorse bloccate hanno sicuramente una grande rilevanza nella gestione aziendale, nella programmazione degli investimenti e dello sviluppo. Non si creda, peraltro, che i maggiori e non dovuti premi pagati all’Inail determinino dei vantaggi in capo ai lavoratori, che non vedono in alcun modo accresciute le proprie tutele le relativi risarcimenti.”   

Conclude la deputata Pellegrino: “ Quindi, con la stesura dei nuovi piani tariffari dell’Inail, nell’imminente apposito decreto ministeriale, il Dicastero del Lavoro provveda affinchè sia reso quanto dovuto agli operatori, tanto del Friuli Venezia Giulia quanto del resto d’Italia, che con onestà e rispetto delle regole fanno la loro parte a mandare avanti l’economia, a creare occupazione e a garantire redditi e tenuta sociale.”

Il testo dell'interpellanza qui: http://www.serenapellegrino.it/inail-rimborsi-delle-eccedenze-dei-premi-versati-serena-pellegrino-interpella-ministro-paoletti-procedure-inail-non-corrette/

0 Commenti

Economia

Sport

Spettacoli

Cultura

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori