Home / Salute e benessere / 8 marzo: Open Day alla Clinica di ginecologia e ostetricia

8 marzo: Open Day alla Clinica di ginecologia e ostetricia

Porte aperte e visite gratuite per tutte le donne dalle 15 alle 20 all’Ospedale di Udine

8 marzo: Open Day alla Clinica di ginecologia e ostetricia

In occasione della Festa della donna che si celebra l’8 marzo, la Clinica di ginecologia e ostetricia dell’Azienda sanitaria universitaria integrata di Udine, diretta dal professor Angelo Cagnacci, sarà aperta con due servizi ambulatoriali e due servizi di ecografia per valutare e consigliare le donne con servizi di prevenzione, diagnosi e cura in ginecologia con focus speciale sui fibromi uterini. I servizi saranno gratuiti e operativi, senza pagamento e senza prenotazione, dalle 15 alle 20, al primo piano del padiglione 6 dell’Ospedale di Udine.

L’iniziativa Open Day è promossa da Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, con il patrocinio della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia. Obiettivo della giornata sarà migliorare la consapevolezza e il livello di attenzione delle donne in ambito ginecologico e in particolare verso i fibromi uterini, tra le patologie ginecologiche benigne più diffuse che colpisce circa 3 milioni di donne nel nostro Paese.

Spesso sono diagnosticati nel corso di controlli di routine e in circa la metà dei casi sono asintomatici. Nel restante 50% dei casi sono però responsabili di manifestazioni anche importanti che incidono negativamente sulla qualità della vita delle donne. In occasione dell’(H)-Open day sarà distribuita una pubblicazione dedicata proprio ai fibromi uterini, una breve guida per informarsi e capire cosa fare, già scaricabile gratuitamente dal sito di Onda (www.ondaosservatorio.it).

“La Festa della donna ci è sembrata l’occasione migliore per offrire alle donne la possibilità di usufruire di servizi gratuiti in ginecologia", spiega Francesca Merzagora, Presidente di Onda. "Il focus sui fibromi uterini ci permette di fare il punto su una patologia benigna, ma molto diffusa che può avere effetti altamente invalidanti per chi ne soffre. La terapia medica dei fibromi uterini è finalmente una realtà per tutte quelle donne per cui è importante evitare la chirurgia o ridurla al massimo in preparazione di una gravidanza, ma anche per affrontare gli anni della premenopausa in modo più sereno, senza le angosce delle emorragie, dei dolori e delle irregolarità mestruali e con un netto miglioramento della qualità della vita”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori