Home / Salute e benessere / Nuovi strumenti in dono all’ospedale di Tolmezzo

Nuovi strumenti in dono all’ospedale di Tolmezzo

La solidarietà dell’Associazione imprenditori idroelettrici del Fvg e di alcuni privati in memoria di Roberto Maier

Nuovi strumenti in dono all’ospedale di Tolmezzo

A due anni esatti dalla sua scomparsa, l’Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia ha deciso di ricordare la memoria di uno dei suoi più apprezzati consiglieri, Roberto Maier, con un atto di donazione, in armonia con lo spirito di generosità, di serietà e correttezza che lo ha sempre contraddistinto sia nella vita privata che nell'attività professionale. Nell'intento di esaudire il desiderio espresso dalla famiglia di Roberto, grazie anche al contributo di alcuni privati, sono stati infatti donati al Dipartimento Medico dell'Ospedale Civile di Tolmezzo gli accessori e le espansioni per EcoColorDoppler necessari all'analisi angiosonografica con i nuovi mezzi di contrasto ecografici, costituiti da Software e Sonda Convex. A questi si aggiungono due saturimetri per la misurazione dell'ossigeno presente nel sangue. Per la individuazione della strumentazione l'Associazione si è avvalsa dell'apporto professionale dei dottori Agostinis e Di Piazza.

Roberto Maier, sottolinea in una nota l’Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia, era uno stimato professionista di Paluzza, punto di riferimento per le imprese del settore idroelettrico. Di lui si ricordano soprattutto la capacità, l’estrema correttezza e l’onestà. Una persona di altissima professionalità, che metteva sempre al servizio di chi la richiedeva, non ostentandole mai, le proprie competenze. Perito industriale, Roberto aveva a Paluzza lo studio "Punto energia" e seguiva numerosi operatori dell’idroelettrico in Fvg e in altre regioni.

“Oggi, a due anni esatti dalla sua scomparsa – conclude la nota dell’Associazione -, viene ricordato un generoso, operoso instancabile professionista che ha lavorato nel campo dell'energie rinnovabili, quella idroelettrica in particolare, nella prospettiva di valorizzare le risorse presenti nella montagna carnica ed il lavoro dei suoi abitanti. L'Associazione Imprenditori Idroelettrici del Fvg non è solo orfana di un validissimo Associato ma, soprattutto, della garanzia del suo sicuro operare nell'interesse generale della categoria e dello sviluppo economico”.

0 Commenti

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori