Home / Salute e benessere / Smog, nemico numero uno

Smog, nemico numero uno

L'allarme dell'Organizzazione Mondiale della Sanità: nel 2012 morte circa 3,7 milioni di persone di età inferiore ai 60 anni

Smog, nemico numero uno

L'inquinamento dell'aria esterna ha provocato la morte di circa 3,7 milioni di persone di età inferiore ai 60 anni nel solo anno 2012. A dirlo è l'Organizzazione Mondiale della Sanità, che sottolinea come questo sia tra i più grandi rischi per la salute in tutto il mondo. In particolare, alte concentrazioni di inquinamento e particolato fine sono associate ad un aumento del numero di decessi per malattie cardiache e ictus, oltre che per respiratori e tumori. "Possiamo vincere la lotta contro l'inquinamento atmosferico e ridurre il numero di persone affette da malattie respiratorie e cardiache, così come il cancro ai polmoni", è il commento di Maria Neira, Direttore dell'OMS per la Salute Pubblica, l'Ambiente e Determinanti sociali della salute. "Le politiche e le strategie efficaci sono ben chiare - aggiunge - ma devono essere attuate su scala sufficientemente ampia. Città come Copenhagen e Bogotà, per esempio, hanno migliorato la qualità dell'aria attraverso la promozione di 'trasporto attivo' e la priorità di reti stradali dedicate al trasporto pubblico urbano, ai percorsi a piedi e in bicicletta".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori