Home / Salute e benessere / Solidarietà al femminile per Arquata del Tronto

Solidarietà al femminile per Arquata del Tronto

Ad aprile al via i lavori di costruzione del Poliambulatorio, realizzato anche grazie ai proventi delle mammografie della Casa di Cura Giovanni XXIII

Solidarietà al femminile per Arquata del Tronto

Ad aprile 2018 ci sarà la posa della prima pietra del nuovo poliambulatorio di Arquata del Tronto, frutto anche della solidarietà del Nordest. È la splendida notizia data dal presidente dell'Avis provinciale di Ascoli Piceno, Berardino Lauretani, alla serata organizzata dalla Casa di cura Giovanni XXIII di Monastier e che ha visto la consegna di altri 5mila euro al progetto sanitario nelle Marche, colpite dal terremoto del 2016. Una parte della cifra raccolta viene dai proventi di mammografie ed esami diagnostici effettuati durante i mesi della prevenzione del tumore a seno alla stessa Casa di Cura, quindi dalle donne venete, ma anche friulane.

Un altro, fondamentale tassello di una collaborazione che da due anni vede insieme la Giovanni XXIII, Avis Veneto e Avis Marche per la realizzazione del poliambulatorio in una zona duramente colpita dal sisma e dove c’è bisogno di tutto. Il video girato subito dopo il terremoto e proiettato anche durante l’ultima assemblea di Avis regionale Veneto, ha drammaticamente ricordato gli enormi danni subiti da Arquata.

La nuova struttura sarà composta da quattro ambulatori e sarà l’unico punto di riferimento sanitario per migliaia di persone tra abitanti e turisti che, pian pianino, stanno tornando a visitare i parchi della zona, in particolare quelli dei Monti Sibillini e dei Monti della Laga. La struttura più vicina, infatti, dopo il terremoto che ha distrutto anche Amatrice, è ad Ascoli Piceno.

La Casa di Cura, che già ha inviato un defibrillatore al medico del paese, Italo Paolini (collegatosi in diretta durante la serata), ha annunciato che si occuperà anche dell’arredamento di uno o più ambulatori e che un suo cardiologo, il dottor Totò Giujusa, ha dato disponibilità a recarsi una volta al mese gratuitamente per visitare la popolazione di Arquata. Nel frattempo, la raccolta fondi continuerà, sempre tramite Avis regionale Veneto.

Alla serata erano presenti, oltre a Lauretani, anche il presidente di Avis regionale Veneto Giorgio Brunello, il consigliere di Avis nazionale Gino Foffano e di Avis provinciale Treviso, nonché radiologo della Giovanni XXIII Bernardino Spaliviero. A consegnare l’assegno Gabriele Geretto, amministratore delegato della Casa di Cura: “Attraverso la partecipazione indiretta di tante donne ‘solidali’, continuiamo nell’impegno iniziato nell’ottobre dello scorso anno – ha detto - per far tornare alla normalità una popolazione che ancora oggi si trova in condizioni veramente difficili. A oltre un anno dal sisma non vogliamo dimenticarci di loro perché il nostro principio è, e sarà, quello di salvaguardare il diritto di avere una vita dignitosa per qualsiasi persona”.

0 Commenti

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori