Home / Sport news / Apu- Verona: 80-73 dopo un supplementare

Apu- Verona: 80-73 dopo un supplementare

Basket A2- Ottimo avvio per i friulani, che poi si fanno rimontare. I 40' si chiudono sul 68-68, ma poi Udine piazza l'allungo decisivo

Apu- Verona: 80-73 dopo un supplementare

Dopo il pesante stop esterno a Ferrara, la Gsa prova a rimettere in moto la classifica contro un'avversaria ostica, Verona. Gara dai due volti per i friulani che allungano nei primi 20, ma poi rimettono tutto in discussione, consegnando alla Tezenis il supplementare. Al termine di un match molto sofferto, è l'Apu a spuntarla per 80-73.

LA CRONACA. Buon avvio per i friulani, che piazzano subito una 'tripla a freddo' con Veideman e un canestro da sotto con Dykes, ma la Tezenis replica dalla lunga con Udom (5-3) e poi aggancia con i due liberi di Poletti (5-5). Veideman risponde subito, ancora da tre (8-5). Ancora due belle azioni friulane portano prima a canestro Pellegrino e poi su palla rubata Veideman (12-6 quando mancano 6' 20'' alla fine del quarto). Sul ribaltamento di fronte, secondo fallo di Pellegrino che manda in lunetta Greene (12-8), e poi prende a sua volta posto dalla linea della carità per l'infrazione commessa da Udom (14-8). Verona prova ad accorciare e trova la tripla di Jones (14-11). Pellegrino chiamato nuovamente in lunetta (uno su due per lui), prima del cambio con Mortellaro (15-11 a 4'40'' dalla fine). Dopo una serie di errori e stoppate sui due fronti, è Diop a sbloccare il suo tabellino, aggiustando il tiro di Raspino (17-11), sostituito da Bushati. Ancora sbagli sui due lati, prima della palla recuperata da Dykes che vola a canestro (19-13 a 2'23''). Si scalda Bushati, che trova la tripla e poi anche Nobile si sblocca (24-15 a un minuto dalla fine). Bushati ancora protagonista nel finale: fallisce una tripla, recupera il pallone e poi subisce una stoppata. Il primo quarto termina sul 24-15.

Canestri inviolati per due minuti e mezzo, complici gli errori su entrambi i fronti. Ci pensa Bushati a sbloccare la situazione (27-15). Ancora tanti sbagli, specie per Verona, che non sfrutta due occasioni consecutive. Sul cambio di fronte capitan Ferrari trova il suo primo centro (29-15) e costringe Verona al time out (6'14''). Udine conquista un bel rimbalzo e lancia Ferrari a canestro, stoppato da Tote. Sul cambio di fronte Bushati ruba un altro pallone e subisce antisportivo, ma dalla lunetta nel mette solo uno, consentendo comunque alla Gsa di bissare gli scaligeri (30-15), che non segnano da oltre 5 minuti. Mortellaro allunga, prima del canestro di Visconti che sblocca la Tezenis (32-17). Ci pensa Raspino, dalla lunga, a mantenere le distanze (35-17) quando mancano 3'30'' alla pausa). Nwohuocha trova, dopo tre errori, il canestro, ma Udine risponde con la tripla di Veideman (38-21). Si continua a sbagliare e coach Lardo chiama minuto, quando manca 1'11''. Pellegrino commette il suo terzo fallo e Lardo lo richiama in panchina. Il cronometro scorre: Verona trova ancora un centro a 3'' dalla sirena. Si va al riposo lungo sul 38-23.

Trascorrono quasi due minuti senza che il punteggio si sblocchi, prima del doppio canestro di Poletti (38-29), che accorcia le distanze. Coach Lardo chiama time-out, per sistemare le cose, dopo l'avvio difficile dei friulani, mandando in campo Bushati per Raspino. La Gsa rimette in moto il tabellino dopo quasi 4 minuti, con un libero di Veideman, ma Palermo risponde dalla lunga (39-32). Lardo fa rifiatare il lettone – dentro Nobile – ma Udine continua a soffrire: Udom trova canestro e fallo (di Bushati) e riporta Verona sotto, sul 39-34, quando mancano 4' e mezzo alla fine del quarto. Amato commette un fallo antisportivo e manda in lunetta Bushati, che ne segna solo uno, ma poi realizza da due per il 42-34. Diop fallisce una tripla, ma Mortellaro conquista il rimbalzo e realizza (44-34). Bushati trova la tripla, ma Udom risponde al colpo (47-39). Adesso il ritmo si alza e aumenta anche la precisione al tiro: al canestro di Dykes replica subito Amato (49-41). Il numero 00 è caldo e mette un'altra bomba, alla quale replica subito Jones. Il quarto termina con il canestro di Mortellaro, che manda le squadre al riposo sul 54-43.

Subito Greene e Bushati in avvio (57-48), prima di una nuova serie di errori. Tote riporta sotto Verona (57-50) e Greene, dopo una grande stoppata di Dykes, realizza la tripla del 57-53. Udine soffre e non riesce a sbloccarsi. La Tezenis arriva al meno uno con Amato (57-56) e Diop manda in lunetta Poletti che realizza il sorpasso (57-58). La Gsa, finalmente, si risveglia dall'incubo: Pellegrino schiaccia e trasforma un libero, prima di correggere una tripla di Dykes (62-58 a 4' 42'' dalla sirena). Dopo un time-out veronese, si riparte con il quarto fallo di Diop e, sulla rimessa, il terzo fischio per Veideman, che si riscatta subito realizzando un bel canestro, lanciato il fuga da Pellegrino (64-58). Raspino manda in lunetta Jones che non sbaglia, tenendo apertissima la sfida. Ancora Pellegrino per l'Apu sigla il 66-60, a 3'40'' dal termine. Veideman cerca la tripla, ma la sbaglia, però Verona regala una nuova azione ai friulani e Raspino firma il 68-60 a 2'46'' dalla sirena. Coach Dalmonte chiede minuto e Jones riporta gli scaligeri al meno sei. Pellegrino tenta la schiacciata, ma il canestro non è valido. Sul cambio di fronte, la Tezenis sfrutta bene una doppia occasione offensiva, mandando prima in lunetta Udom (uno su due) e poi conquistando il rimbalzo, consegnato nelle mani di Greene che realizza dalla distanza per il 68-66 a 1'32''. Lardo chiama minuto per impostare le ultime decisive azioni e caricare i suoi. Pellegrino sbaglia da due, ma conquista un rimbalzo; il cronometro scorre e Veideman è costretto a una tripla disperata a 3'' dal termine dell'azione, che non va. Raspino manda in lunetta Poletti per il due su due del pareggio (68-68). Udine manovra a lungo la palla ma non centra il canestro: si va così al supplementare sul 68-68.

SUPPLEMENTARE. Si comincia con la tripla di Veideman (71-68), mentre Verona risponde con un tiro dalla linea della carità con Udom. Udine prima e Verona poi sprecano i propri 24''. Si riparte con Veideman in lunetta, che non sbaglia (73-69 a 2'50''). Ancora un errore per la Tezenis, mentre sul cambio di fronte Diop mette la tripla del 76-69. Fallo di Dykes, che spedisce ai liberi Palermo (uno su due per lui). Veideman consegna il pallone a Verona, ma gli ospiti non ne approfittano. Ancora un passaggio a vuoto per i friulani con Raspino. Poi, sul cambio di fronte, esplode il Carnera per una decisione contestata dell'arbitro, che fischia fallo a Veideman, mentre in precedenza c'erano probabilmente passi per Verona. Dopo il libero di Palermo, è Dykes ad allungare (78-71 a 51''). Quinto fallo di Pellegrino (dentro Mortellaro), che manda ancora in lunetta Palermo per il 78-73. Sul cambio di fronte, l'arbitro fischia un tecnico a Poletti su Veideman, che dalla linea della carità ne mette due (80-73 a 36''). Udine tiene palla e Dykes costringe con astuzia Palermo a commettere il quinto fallo. Il numero 00 fallisce i liberi, ma sul cambio di fronte Verona non trova il canestro, consegnando un sofferto successo ai friulani per 80-73.

QUI IL TABELLINO COMPLETO.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori