Home / Tendenze / Apparecchi senza vita: le piazzole li attendono

Apparecchi senza vita: le piazzole li attendono

Climatizzatori portatili, vecchi televisori, pianole e friggitrici si usano sempre meno e vengono lasciati in cantina o in soffitta

Apparecchi senza vita: le piazzole li attendono

In casa, in cantina o in garage di ogni famiglia italiana ci sono in media 8 elettrodomestici, fra grandi e piccoli, non funzionanti o comunque non utilizzati, per un totale di circa 200 milioni di pezzi: quasi un quinto delle apparecchiature elettriche ed elettroniche possedute. Al primo posto, tra i grandi elettrodomestici, troviamo i condizionatori portatili (il 32% non sono più in uso), seguiti da asciugatrici (21%) e boiler elettrici (16%).
Cimitero in cucina
Tra i piccoli, invece, sul podio le pianole (48%), seguite dai videoregistratori (43%) e dai monitor per il tubo catodico (38%). In cucina, restano inutilizzate anche le friggitrici (32%), i macinacaffè (31%) e i tostapane (20%). Lo rileva il ‘Rapporto di ricerca sulle abitudini di utilizzo e smaltimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) da parte dei consumatori italiani’ commissionato nel 2012 da Ecodom, il Consorzio italiano nella gestione dei Raee, a Ipsos. Ecodom ha poi commissionato un’indagine a Doxa per capire perché le famiglie italiane non si liberano dei propri elettrodomestici in disuso.
Dall’indagine emergono dieci profili che tratteggiano gli atteggiamenti più comuni tra le famiglie italiane. Al primo posto il filone dei ‘disinteressati’ (circa il 31% del campione), di cui fanno parte anche i pigri e i disinformati, ovvero quelli del ‘come faccio a liberarmene’, ‘non saprei a chi rivolgermi’, ‘la prossima volta me ne libero’. Per loro portare la vecchia tv all’isola ecologica è una vera ‘mission impossible’: non trovano mai il tempo per farlo, oppure non hanno idea di dove andare o a chi rivolgersi e, tutto sommato, neanche sono interessati a saperlo.
Tesori nascosti
Ma quanto vale il vecchio elettrodomestico che non buttiamo? Ogni apparecchiatura elettrica ed elettronica è una ‘miniera’ di materiali: da un frigorifero, per esempio, si ottengono fino a 28 kg di ferro, 6 kg di plastica e più di 3 kg tra rame e alluminio, oltre a 40 kg di materie prime secondarie. Ecco perché, invece che tenere in casa questi elettrodomestici ormai inutilizzabili, è meglio portali nella piazzola ecologica del proprio Comune (lo smaltimento è gratuito) o regalarli a chi ne ha bisogno.  

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori