Home / Tendenze / Debutta la festa da sfogliare

Debutta la festa da sfogliare

A Ronchi dei Legionari - che ha appena conquistato il titolo di città che legge’ - prima edizione di un evento dedicato all’editoria. Libri in piazza e incontri con gli autori

Debutta la festa da sfogliare

Segnatevi in agenda il 22 aprile. È la data della prima festa del libro per Ronchi dei Legionari, che sarà invaso da stand per promuovere non solo l’editoria locale ma la stessa voglia di aprire, sfogliare e leggere un buon libro. Perché la carta stampata non è finita con l’avvento delle nuove tecnologie, ma ha ancora tanto da offrire.


Sabato 22 aprile sarà dunque la ‘Giornata Mondiale del Libro’ e gli eventi a Ronchi saranno promossi dall’amministrazione comunale, assieme alla biblioteca civica ‘Sandro Pertini’ in collaborazione con l’associazione culturale Leali delle Notizie, il Consorzio culturale del Monfalconese e i numerosi sodalizi culturali della cittadina bisiaca. Dalle 10 alle 19 ‘Librinfesta’, questo il nome con il quale è stata battezzata l’iniziativa, offrirà incontri con l’autore, visite guidate, letture ad alta voce, stand di librerie e un mercatino di libri usati.


L’evento andrà a toccare numerosi punti del centro storico ronchese, per animare le vie e le piazze più centrali rendendo Ronchi un vero e proprio libro all’aperto, che potrà essere sfogliato e gustato da chiunque, anche solo passeggiando: l’Antiquarium, l’Auditorium comunale, la biblioteca comunale e piazzetta Francesco Giuseppe sono solo alcuni dei tanti luoghi in cui i libri saranno protagonisti.
Gli espositori giungeranno dai vicini centri abitati della Bisiacaria ma anche dal Litorale, con la presenza di delegazioni monfalconesi, foglianine o di Turriaco che saranno affiancate da editori o semplici collezionisti di Trieste e Muggia.


Il primo a dirsi soddisfatto è il sindaco, Livio Vecchiet, e l’assessore alla cultura Mauro Benvenuto: “l’iniziativa – commentano - dà lustro all’intera comunità sia perché Ronchi ha da poco ricevuto il titolo ‘città che legge’, sia per l’unicità a livello provinciale del progetto”.

Numeri da record alla biblioteca: 52mila prestiti in appena un anno
La locale biblioteca, infatti, vanta numeri da record: nel 2016 ha realizzato 52.252 prestiti, 1.216 in più rispetto all’anno precedente, sono 7.403 gli iscritti su una popolazione vicina ai 12mila abitanti, con un incremento di ben 234 unità. E, poi, 92mila titoli registrati, di cui 15mila per la sezione multimediale e 5mila per quella slovena.
“Città che legge - conclude Benvenuto – non sarà solo un’etichetta, ma anche lo sprone per fare ancora meglio in questo settore e per implementare le iniziative che già oggi permettono a moltissime persone di avvicinarsi al mondo dell’editoria”.

0 Commenti

Economia

Sport

Spettacoli

Politica

Tendenze

Gusto

Viaggi

Salute

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori