Home / Tendenze / In Fvg giornata arcobaleno contro l'omofobia

In Fvg giornata arcobaleno contro l'omofobia

Dal 15 al 17 maggio, tante iniziative di Arcigay Friuli. E il 27 Rainbow Festival al Parco di Sant’Osvaldo

In Fvg giornata arcobaleno contro l'omofobia

Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia indetta per ricordare la data in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha deciso di rimuovere l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie (17 maggio 1990).

Lo scopo di questa giornata è puntare la luce sulle discriminazioni delle persone sulla base dell'orientamento sessuale e l'identità di genere. Quest'anno Arcigay promuove la campagna a livello nazionale e in regione Arcigay Friuli promuove diverse iniziative. Si comincia il 15 maggio, giorno in cui il Garante Regionale dei diritti della persona Walter Citti ha organizzato un convegno a Trieste presso la Sala “Tiziano Tessitori”, in Piazza G. Oberdan, 5 alle 17, nel corso della quale saranno proiettate le fotografie realizzate per conto delle amministrazioni locali aderenti alla Rete RE.A.DY. (Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni antidiscriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere), cui la Regione FVG aderisce dedicate al tema “Famiglie Arcobaleno”.

Il 16 maggio torna a Tricesimo la collaborazione fra Le Nuove Querce e Arcigay Friuli per la Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, con la presentazione del libro “Gender (R)evolution” della scrittrice e attivista Monica Romano, un memoir militante sull'attivismo trans per dare risalto alla lotta contra le discriminizazioni delle persone trans presso la sala Pellizzari, piazza Ellero alle 20.

Il 17 maggio si terrà la conferenza stampa di presentazione del Rainbow Village, festival che si terrà ad Udine domenica 27 maggio dalle 15. Le principali associazioni friulane e giuliane che si occupano di decostruzione degli stereotipi, lotta per la libertà sessuale, parità di genere, diritto all'uguaglianza di fronte alla legge, femminismo, anti-razzismo e intersezionalità si ritrovano al Parco di Sant'Osvaldo dalle 15 per offrire alla cittadinanza una giornata di cultura, informazione, arte, musica e spettacolo.

Nel pomeriggio le associazioni illustreranno le loro attività e la loro presenza sul territorio e offriranno dei workshop gratuiti con cui intendono trasmettere i loro valori in modo informale, esperienziale e interattivo. Seguirà una tavola rotonda in cui docenti provenienti dall'Università di Udine e da quella di Trieste affronteranno il tema dell'omosessualità in un'ottica multidisciplinare (letteratura, storia, psicologia e diritto). Sul palco ci saranno letture sceniche, band locali, musica e performance canore e il tutto si concluderà con un dj-set. Il 18 maggio per chiudere le fila della nona edizione del progetto 'A scuola per conoscerci', nato nel 2009 per prevenire e contrastare il bullismo omofobico e transfobico nelle scuole medie e superiori del Friuli Venezia Giulia si terrà l'incontro di chiusura presso l'Università degli Studi di Udine (Auditorium T4 - Palazzo Garzolini - Di Toppo Wassermann) alle 18, per riflettere sulle buone prassi utili a contrastare nel contesto scolastico il fenomeno dell'omotransfobia e le diverse forme di discriminazione a danno di studentesse/i LGBT o percepite/i come tali.

Oltre alle attività, come ogni anno, l'associazione Arcigay Friuli impegnata nel portare l'attenzione delle istituzioni alle tematiche riguardanti alle discriminazioni delle persone LGBTI+ ha sollecitato l'esposizione della bandiera Rainbow presso i palazzi comunali dei due capoluoghi del territorio, Udine (in attesa della nuova giunta) e Pordenone (in attesa di una risposta al sollecito).

A questa ultima è stata richiesta anche l'adesione alla  Rete Ready - rete delle amministrazioni pubbliche antidiscriminazioni su base di orientamento sessuale ed identità di genere. L'adesione va ben oltre un gesto simbolico di supporto e mette in atto politiche concrete, condivise con altre amministrazioni virtuose in regione e su tutto il territorio nazionale, oltre ad avviare una concreta collaborazione con le associazioni già impegnate in tal senso sul territorio; suppone l'esemplificazione di azioni programmatiche e positive mirate al pieno riconoscimento dei diritti civili e alla parità di trattamento di tutti i cittadini senza distinzioni, per un’autentica realizzazione del diritto di eguaglianza in senso sostanziale, riconosciuto dall’art. 3 della nostra Costituzione, consapevoli di lavorare insieme non solo per la giusta emancipazione di una minoranza, ma per la crescita comune e civile di tutta la società.

Una bella sorpresa per l'associazione è stata l'iniziativa promossa dal Comune di Porcia per il 17 maggio di illuminare all'imbrunire Villa Correr Dolfin dei colori rainbow, ragione per cui ci sarà un incontro alle 19.30 di fronte alla Villa per festeggiare questo gesto di impegno contro la discriminazione e supporto dei cittadini LGBTI+.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori