Home / Tendenze / Palmanova, una Fortezza di ciccolato

Palmanova, una Fortezza di ciccolato

Scolpita la pianta della città stellata e conclusa la Plaza del Choco

Palmanova, una Fortezza di ciccolato

La Fortezza di Palmanova scolpita interamente nel cioccolato fondente. Si può ammirare ancora solo per pochi giorni nell’atrio del Palazzo comunale della città stellata. Il paziente lavoro del maestro cioccolatiere Stefano Comelli, iniziato durante la “Plaza del Choco” che per diversi giorni ha animato Piazza Grande, è stato messo in palio nella lotteria la notte di Capodanno.

Il numero vincente è risultato essere il biglietto numero 74. Nell’attesa del ritiro da parte del vincitore, il bassorilievo raffigurante la città fortezza rimarrà in Municipio.
“Un magnifico lavoro, frutto dell’arte, della manualità e dell’esperienza di un grande artigiano del cioccolato. Un’opera minuziosa e molto affascinante, oltre che golosa. La pianta a stella a nove punte della Fortezza di Palmanova è un simbolo che caratterizza fortemente la nostra città, un marchio riconoscibile e riproducibile in tantissime forme e su tantissimi materiali. Il cioccolato, lo abbiamo visto, è uno di questi. Promuovere Palmanova significa anche valorizzare certe espressioni artistiche, proporre esperienze, comunicare a sempre più persone il nostro grande patrimonio storico artistico” commenta il Sindaco Francesco Martines.

Plaza del Choco, format realizzato dall’associazione Fusi & Infusi cioccolato, caffè, thè e spezie, nasce dall’esperienza del Chocofest, manifestazione che da vent’anni si tiene a Gradisca d’Isonzo. Questo progetto nasce con l’obiettivo di far conoscere al pubblico il cioccolato di qualità, la sua storia e la sua lavorazione.

E aggiunge Thomas Trino, assessore comunale alle attività produttive: “Una manifestazione che si unisce alle molte altre che siamo riusciti a portare a Palmanova. Dai mercatini dell’antiquariato a quelli dedicati al Natale, dal Luna Park alla musica e alle animazioni per i più piccoli. Una città e una Piazza sempre più vive, dove le persone possono incontrarsi e vivere molti momenti piacevoli e in compagnia”.

Durante i giorni di permanenza, molte persone hanno visitato la mostra “Cacao: dalla piantagione alla tavoletta”, un percorso fatto di immagini e descrizioni dei processi di coltivazione e produzione del cacao e dei prodotti finiti, come barrette e praline.

Presente anche la scuola Cefap, partner consolidato dell’associazione, che, con il suo corpo docenti e gli alunni, hanno tenuto show cooking che prevedevano l’uso del cacao come ingrediente principe delle ricette.

All’interno della tensostruttura allestita in Piazza Grande era attivo il laboratorio del maestro cioccolatiere Giancarlo Foscarini, pronto a realizzare vari tipi di praline, piccoli gioielli di cioccolato. Apprezzata la cioccolata calda, sia nella versione bianca, sia in quella fondente, oltre alle degustazioni dei cioccolati artigianali proposti in vendita nelle varie bancarelle.

Un evento realizzato in collaborazione con il Comune di Palmanova e con l’aiuto della Pro Loco Propalma e della scuola Cefap e con il patrocinio dell’Ersa. Un ringraziamento dovuto a Fabio Valentinis per aver prestato le cabosse e le fave di cacao per la mostra.

 

Articoli correlati
0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori