Home / Altri sport / Grandi manovre per il Rugby Sile

Grandi manovre per il Rugby Sile

La società di Pasiano di Pordenone al lavoro per una stagione di rilancio

Grandi manovre per il Rugby Sile

Sono partite le grandi manovre al Rugby Sile, la società che ha base a Pasiano di Pordenone, che, terminato un campionato di C2 zeppo di problemi, condizionato da una raffica di infortuni senza precedenti, si è già messo all'opera in vista del prossimo torneo nella convinzione che l'annata 2019-'20 sarà quella del rilancio.

“Innanzi tutto – spiega il direttore tecnico, Mario Ferraiuolo – un doveroso ringraziamento va ai nostri atleti, che quest'anno sono riusciti a tenere la barca sempre in linea di galleggiamento pur tra grandi difficoltà. In un periodo dell'anno, pur contando su una rosa di oltre trenta elementi,  erano più i giocatori infortunati che quelli disponibili. Ma i ragazzi non hanno mai mollato, dimostrando serietà ed attaccamento alla maglia: la società è orgogliosa di loro”.

“Da questo zoccolo duro di atleti e di amici ripartiamo per rifondare la squadra – continua Ferraiuolo - ci stiamo già muovendo a 360 gradi per trovare i giocatori che ci servono”. E' presto per fare nomi, ma contatti sono già stati presi con giocatori, soprattutto giovani di belle speranze, di altri club friulani e del Veneto Orientale.

“Vogliamo essere protagonisti del prossimo torneo di C2 e inserirci nella lotta per la promozione, visto che abbiamo tutti i requisiti di regolamento, grazie alla nostra società gemella, il Rugby Azzano Decimo, che si occupa per noi del settore giovanile”.

Per poter aspirare al salto di categoria, la società deve infatti schierare una formazione Under 14 o Under 16 o avere le deleghe in tal senso da un'altra società con la quale collabora. “Per certo – continua – gli atleti che verranno a giocare da noi saranno seguiti e valorizzati in tutti gli aspetti, da quello tecnico a quello assicurativo, medico e logistico. Insomma, verranno messi, senza nessun onere da parte loro se non quello di impegnarsi come dei veri rugbysti agonisti, nelle migliori condizioni per potersi esprimere al meglio. Stiamo creando una struttura in grado di operare con la dovuta professionalità in ogni settore, pur restando formata da dilettanti”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori