Home / Altri sport / Tomasini, nuova auto e copilota nel 2019

Tomasini, nuova auto e copilota nel 2019

Il driver pordenonese riparte tra tricolore e mondiale alla guida di una Toyota Toyodell del team Collodel

Tomasini, nuova auto e copilota nel 2019

Andrea Tomasini è pronto per affrontare una nuova stagione. Il pilota pordenonese, classe 1982, tesserato per la North East Ideas, dopo aver chiuso al quarto posto assoluto e al secondo tra le vetture di classe T1 il campionato italiano cross country, ha lasciato il volante ufficiale della Suzuki New Grand Vitara ed è salito a bordo della Toyota Toyodell del team Collodel: con la vettura, già prima nel trofeo tricolore del 2017, disputerà la rassegna nazionale fuoristrada e prenderà parte ad alcune gare della Coppa del Mondo di specialità.

Non solo una nuova macchina, per lui, ma anche un nuovo copilota: in realtà si tratta di un rientro visto che al suo fianco, in abitacolo, tornerà a sedere Angelo Mirolo, pordenonese, con cui ha già corso in passato. Un 2019 con molte novità per Tomasini, pronto a lasciare il segno in una serie – quella italiana – che parte con l’Italian Baja di Primavera, in programma dal 2 al 3 marzo in provincia di Treviso (e non più nel territorio pordenonese).

“Siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto con il team Collodel – ha affermato il pilota -. Dopo esserci incontrati lo scorso autunno abbiamo sviluppato le idee per la stagione 2019 e siamo riusciti a trovare l’intesa: arrivo in una grande squadra e per questo devo ringraziare Elvis Borsoi, pilota già campione italiano e proprietario della scuderia, per aver creduto in me. Contiamo di migliorare il piazzamento dell’ultimo trofeo tricolore e di prendere parte ad alcune tappe della Coppa del Mondo”.

A sostenere Tomasini nella sua nuova avventura Befed, azienda del territorio, impegnata nella ristorazione e nel settore della birra artigianale, e i suoi storici sponsor. Con la prima impresa, tramite eventi benefici, sosterrà i Friul Falcons, squadra di hockey in carrozzina di Tavagnacco che milita nel campionato di serie A2.

Il driver continua così nella sua attività di solidarietà, un percorso intrapreso già nel 2015 proprio con il team friulano.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori