Home / Cronaca / Il maltempo concede una tregua al Friuli e l'allerta meteo passa da rosso ad arancione

Il maltempo concede una tregua al Friuli e l'allerta meteo passa da rosso ad arancione

In serata non si escludono criticità nelle zone maggiormente colpite dall'eccezionale ondata di pioggia e vento

Il maltempo concede una tregua al Friuli e l\u0027allerta meteo passa da rosso ad arancione

Il maltempo concederà una tregua, mercoledì 31 ottobre, come confermano le previsioni meteo diffuse dall'Osmer Arpa Fvg, ma non si escludono criticità nelle zone maggiormente colpite dall'eccezionale ondata di pioggia e vento.

Alla luce delle numerose criticità idrogeologiche verificatesi sul territorio montano e del permanere di livelli sostenuti dei corsi d'acqua di pianura, i cui colmi di piena si stanno gradualmente riducendo con il transito verso il mare, saranno ancora possibili situazioni di crisi nella rete idrografica minore e di drenaggio urbano, fenomeni di instabilità dei pendii e delle sponde fluviali con interruzioni della viabilità e problematiche connesse al passaggio delle onde di piena nei tratti di pianura dei fiumi Tagliamento e Meduna.

Viabilità aggiornata alle 17 di martedì 30 ottobre
Ecco le strade chiuse e la percorribilità di quelle dove si sono registrati smottamenti o eventi legati al maltempo.


SS 52 "Carnica": aperta fino a Forni di Sopra; chiusura al km 63 per alberi schiantati sulla sede stradale e apertura Passo Mauria prevista per domani mattina
SR 355 “della Val Degano”: 1^ interruzione a Comeglians (ponte sul Degano al km 13+500 parzialmente crollato; allo studio la possibilità di ripristinare il traffico sul ponte comunale in ferro quantomeno per traffico leggero e mezzi di soccorso; in fase di studio anche la possibilità di parziale recupero della transitabilità sul ponte regionale per il traffico pesante ); 2^ interruzione per alberi su sede stradale in ingresso a Forni Avoltri (loc. Temerat da km 24 a km 25+400); STRADA PERCORRIBILE TRA FORNI AVOLTRI E SAPPADA
SR 465 “della Forcella Lavardet e Valle San Canciano”: chiusa da Ravascletto in direzione Sutrio (riapertura con sensi unici alternati prevista entro domani sera); da Comeglians in direzione Prato Carnico: aperta fino al km 24; dal km 24+000 (loc. Solari) chiusa fino al confine bellunese (ma solo bosco e non centri abitati)
SR 251"della Val Cellina": chiusa al km 70+850 loc. Barcis per esondazione torrente Cellina; materiale detritico in carreggiata: da Barcis a Claut e da Cimolais a Erto e Casso transito a senso unico ma con difficoltà
SR 552 "del Passo Rest": chiusa dopo l'abitato di Tramonti di Sopra dal km 23+800 al km 7+200
SR UD 73 “del Lumiei” chiusa loc. Sauris; in corso intervento per la messa in sicurezza delle scarpate e taglio degli alberi
SR UD 1 "della Val d'Arzino" aperta; in corso intervento per la messa in sicurezza
SR UD 72 "di Invillino" aperta; in corso intervento per la messa in sicurezza
SR UD 123 "dello Zoncolan" chiusa; intervento di messa in sicurezza in corso
SR UD 110 "di Pramollo" chiusa; intervento di messa in sicurezza in corso
SR UD 112 "della Val Aupa" aperta lato Pontebba; chiusa lato Moggio Udinese e intervento di messa in sicurezza in corso
SR UD 76 "della Val Raccolana"  aperta lato Sella Nevea; chiusa lato Tarvisio e intervento di messa in sicurezza in corso

Si raccomanda inoltre ai Comuni e a tutte le componenti del sistema regionale integrato di protezione civile l'attivazione di una fase operativa almeno di attenzione per allerta gialla o arancione e almeno di preallarme per allerta rossa, attuando le proprie procedure corrispondenti agli scenari previsti.

Articoli correlati
0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori