Home / Cronaca / La terra continua a tremare in Friuli

La terra continua a tremare in Friuli

All'alba nuova scossa di 3.3 gradi di magnitudo, con epicentro vicino a Verzegnis

La terra continua a tremare in Friuli

La terra continua a tremare in Friuli. Questa mattina, alle 6.12, nuovo evento sismico, con magnitudo di 3.3 ed epicentro a poca distanza da Verzegnis, a una profondità di 4 chilometri circa. Anche in questo caso, in tutta la Carnia, la scossa è stata avvertita, ma non si segnalano danni a cose o persone.

L'attività sismica è iniziata ieri, con una scossa alle 15.57 di magnitudo 3.9 localizzato in Carnia, a circa 2 chilometri a sud-ovest di Tolmezzo, profondità circa 7 chilometri. Si erano registrate anche quattro repliche di modesta energia, con magnitudo inferiore a 1.5, occorse nella mezzora successiva alla prima scossa.

Come da prassi, il sistema di localizzazione preliminare automatica dell’evento ha inviato subito dopo la scossa, le mail di notifica a tutti i soggetti del Sistema regionale integrato di protezione.

La centrale unica di risposta NUE 112 e la Sala operativa regionale presso la Centrale operativa della Protezione civile a Palmanova hanno risposto a una ventina di richieste di informazioni, ma non sono state ricevute segnalazioni di danni a persone o a cose.

Il livello più basso di attivazione per il sistema di protezione (Livello di attivazione A) stimato inizialmente per 70 comuni della Carnia e dell’area pedemontana viene al
momento confermato dai dati provenienti di volontari dei Gruppi comunali di protezione civile attraverso le schede di segnalazione del risentimento sismico sul territorio. I Vigili del Fuoco hanno eseguito una verifica tecnica presso l’ospedale di Tolmezzo, precauzionalmente è stata sospesa la circolazione dei treni sulla linea pontebbana nel tratto compreso tra Tarcento e Pontebba.

La Sala operativa regionale non ha inoltre ricevuto informazioni di danni da parte dei Comuni e dei Comandi provinciali dei Vigili del Fuoco di Udine e Pordenone.

1 Commenti
luca-DUCK

In questa regione ogni cittadino dovrebbe avere uno zaino pronto come "kit antisismico" e con "sleeping pod" di emergenza. UNA VOLTA AL MESE SI DOVREBBE RICORDARE COSA FARE IN CASO DI ALLERTA e con informazioni mirate come magari con Sms ai cittadini residenti ricavabili dalle anagrafi.

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori