Home / Cronaca / Naufraghi sbarcati a Lampedusa. Ma le polemiche approdano in Friuli

Naufraghi sbarcati a Lampedusa. Ma le polemiche approdano in Friuli

Arriva fino in Friuli Venezia Giulia lo scontro sulla nave “Mare Jonio” della Ong Mediterranea Saving Humans

Naufraghi sbarcati a Lampedusa. Ma le polemiche approdano in Friuli

Arriva fino in Friuli Venezia Giulia la polemica sulla nave “Mare Jonio” della Ong Mediterranea Saving Humans, che ieri ha tratto in salvo 49 naufraghi in acque internazionali fra la Tunisia e l’Italia ed è in attesa di entrare nel porto di Lampedusa.

In un tweet rilanciato dal Presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha detto di contare sull’arresto dei responsabili della nave che – ha spiegato – hanno scelto di dirigersi verso l’Italia e non verso la Libia e hanno disobbedito per due volte alla Guardia di Finanza che aveva chiesto di non entrare nelle acque italiane.

L’armatore della nave è il triestino Alessandro Metz, ex consigliere regionale del Friuli Venezia Giulia. Telefriuli ha raccolto la sua testimonianza al telefono.

“La nave in questo momento si trova a 300-400 metri dalla costa di Lampedusa”, spiega Metz, “dove ha riparato per ragioni di sicurezza, viste le condizioni del mare. Era il luogo più vicino”.

La situazione a bordo? “Uno dei migranti sembra abbia la polmonite e necessita di cure urgenti. Le altre persone stanno mediamente bene ma, dopo alcuni giorni in mare su un gommone con il motore in avaria, hanno bisogno di essere sbarcate e accolte il prima possibile”.

Salvini ha chiesto il vostro arresto… “Il mare ha precise regole e norme che impongono di salvare le persone in difficoltà. Abbiamo sempre comunicato cosa stavamo facendo alle autorità e seguito le disposizioni. Abbiamo fatto quello che era giusto e doveroso fare: 49 persone sono salve e non sono state riportate nei centri di detenzione e concentramento in Libia. Noi abbiamo la coscienza a posto, anzi di più: siamo proprio orgogliosi di poter affermare che abbiamo salvato 49 persone”, conclude Metz.

AGGIORNAMENTO. In serata, la Mare Jonio ha attraccato al molo di Lampedusa e i naufraghi sono stati fatti sbarcare a terra e salire sui mezzi delle forze dell'ordine. La Procura di Agrigento ha disposto, contestualmente, il sequestro probatorio della nave di Mediterrenea. Nelle prossime ore l'equipaggio dovrebbe essere ascoltato nell'ambito dell'inchiesta, a carico di ignoti, aperta per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

1 Commenti
Vaccarin

In un Paese civile i "naufraghi" verrebbero immediatamente rimpatriati, la nave sequestrata e l'equipaggio arrestato e tradotto in carcere. Siete la vergogna della Nazione.
Gabrio Vaccarin Consigliere comunale FdI Nimis.

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori