Home / Cronaca / Non pagavano Siae e canone Rai, sequestrati 35 televisori

Non pagavano Siae e canone Rai, sequestrati 35 televisori

Nel mirino delle Fiamme Gialle B&B e affittacamere in provincia di Trieste

Non pagavano Siae e canone Rai, sequestrati 35 televisori

Sequestrati 35 apparecchi televisivi e un modem wi-fi, per violazione del diritto d’autore. Nell'ambito dei servizi di Polizia economico-finanziaria finalizzati a prevenire e reprimere le condotte illecite, i finanzieri giuliani, in collaborazione con i funzionari della Siae di Trieste, hanno effettuato una serie di controlli nei confronti delle strutture ricettive della provincia.

In particolare, nel comprensorio dei comuni di Trieste, Muggia e San Dorligo della Valle, sono state avviate verifiche finalizzate al riscontro del regolare pagamento del canone Rai e dell’abbonamento per il diritto d’autore presso Bed and Breakfast e affittacamere, con lo scopo principale di contrastare le forme di abusiva messa a disposizione del pubblico di opere dell’ingegno (diritto esclusivo di comunicazione al pubblico attraverso strumenti sonori e/o video-sonori ubicati in strutture ricettive, come disciplinato dalla Legge sul diritto d’autore).

La normativa nazionale vigente in materia, che ha recepito le indicazioni di due direttive comunitarie, prescrive che la semplice installazione di apparecchi tv nelle camere di un albergo o di un’altra struttura ricettiva, connessi e funzionanti, renda di per sé possibile la fruizione di programmi, film e altre opere dell’ingegno da parte dei clienti, incidendo sul diritto esclusivo di comunicazione al pubblico.

Da qui, la necessità di richiedere il permesso di utilizzazione del repertorio amministrato Siae. Nei casi oggetto di verifica, ora al vaglio della Procura di Trieste, è stato accertato il mancato assolvimento del diritto d’autore, con conseguente sequestro delle apparecchiature connesse illecitamente e messe a disposizione dei clienti.

La violazione, infatti, comporta la sanzione penale della reclusione fino a tre anni e la pena pecuniaria della multa fino a 15mila euro. L’aggressione a ogni forma di illegalità contribuisce al regolare sviluppo imprenditoriale ed economico: Bed & breakfast e affittacamere (sempre più numerosi nella Provincia di Trieste, la cui attrattività turistica è in costante crescita da anni) possono acquisire agli sportelli delle istituzioni competenti tutte le informazioni necessarie a operare nella piena legalità.

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori