Home / Cronaca / Pramollo, "il Tar conferma la nostra serietà"

Pramollo, "il Tar conferma la nostra serietà"

Santoro: "Il lavoro fatto dalla precedente amministrazione regionale era corretto dal punto di vista tecnico e politico"

Pramollo,  il Tar conferma la nostra serietà

"La sentenza di oggi è la conferma che il lavoro fatto dalla precedente amministrazione regionale era corretto dal punto di vista tecnico e politico e che abbiamo agito nell’esclusivo interesse della comunità regionale". Commenta così la consigliera regionale del Pd, Mariagrazia Santoro la sentenza del Tar Fvg che ha respinto oggi il ricorso della società Doppelmayr Italia S.r.l. contro la delibera della Giunta regionale che, nella precedente legislatura, aveva revocato il pubblico interesse del “project financing per la realizzazione e gestione dell'impianto di collegamento a fune tra Pontebba e il comprensorio sciistico di Pramollo-Nassfeld”.

"La sentenza è molta chiara e spiega che l’unico affidamento a risultare, semmai, pregiudicato è stato quello riposto dalla Regione nella serietà e consapevolezza degli impegni convenzionali assunti da Doppelmayr. In particolare – precisa Santoro – quello di aggiornare e asseverare il Pef (Piano Economico Finanziario) prima dell’indizione della gara, che, di fatto, non ha lasciato alla Regione altra soluzione che quella di interrompere il prosieguo del complesso iter procedimentale".

Inoltre, commenta Santoro, "si conclude una vicenda che per molti anni ha impegnato la Regione. Noi ci siamo assunti la responsabilità di chiudere questo capitolo nella tutela degli interessi della Regione stessa e delle ingenti risorse che erano in ballo. Ora spiace che le risorse che avevamo appostato tutte a favore della montagna e in particolare per tutti gli impianti di risalita (35 milioni) e per il rilancio dell’area di Pontebba (13 milioni) siano state fortemente tagliate e sparse in altri territori». Infine, conclude Santoro, «la strada che abbiamo intrapreso era quella corretta, convinti che non si possa giocare con le risorse pubbliche. L'auspicio ore è che la nuova amministrazione riveda a favore della montagna e di Pontebba le risorse che si sono così definitivamente liberate".

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori