Home / Cronaca / Presa la banda dei Centri massaggi cinesi

Presa la banda dei Centri massaggi cinesi

Complessa indagine dei carabinieri di Sacile e Fontanafredda, che ha permesso di arrestare quattro persone, responsabile anche di altri colpi nel Nord Italia

Presa la banda dei Centri massaggi cinesi

I Carabinieri di Sacile e Fontanafredda hanno arrestato la banda cinese dei centri massaggi, responsabile di vari colpi nel Nord Italia. L'indagine è partita dalla rapina compiuta, il 2 luglio 2018, al centro massaggi cinese ‘Orientale Rosso’ di Fontanafredda.

Si tratta di quattro cinesi, tutti pregiudicati. Due – un 34enne e un 48enne - sono già in carcere, a Poggioreale e Venezia, per analoghi reati, commessi tra Gorizia e Venezia, mentre gli altri due - un 31enne, che materialmente brandiva il coltello, e un 38enne, ideatore del colpo e autista del gruppo – hanno ricevuto un obbligo di dimora a Padova e Reggio Emilia.

IL COLPO. Tre di loro, nella notte del 2 luglio, avevano fatto irruzione nel centro massaggi in via Pontebbana 64, con il volto coperto da una mascherina di tipo sanitario. Avevano minacciato, anche con un coltello, le due massaggiatrici, costringendole a consegnare la somma di mille euro circa. Le due donne erano poi state prese per il collo e schiaffeggiate, portate al piano interrato e immobilizzate con fascette da elettricista. La malcapitate erano riuscite a scappare, chiedendo aiuto, mentre i rapinatori fuggivano a bordo di una Bmw nera, guidata dal quarto complice.

I militari sono arrivati a loro grazie all’analisi, condotta dal Ris di Parma, dei reperti trovati sul posto, a cominciare da due mascherine abbandonate sulla scena del crimine. Dagli elementi, è stato possibile estrapolare il Dna di uno dei rapinatori, incastrato anche per un analogo colpo commesso a novembre 2017 a Montebelluna, sempre a danno di un connazionale. I due cinesi in carcere hanno già confessato.

L’importanza del risultato è legata al fatto che la criminalità cinese opera spesso in modo imperscrutabile, complicando le attività di indagine, anche per la reticenza delle vittime, che spesso non denunciano.

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori