Home / Cronaca / Roberto Novelli minacciato di morte dai ‘no vax’

Roberto Novelli minacciato di morte dai ‘no vax’

Il deputato di Forza Italia ha sporto denuncia, dopo un messaggio anonimo con la frase 'Ti sparo in bocca' ricevuto su Facebook

Roberto Novelli minacciato di morte dai ‘no vax’

Aver parlato della possibilità d’introdurre il reato di ‘contagio colposo’ nei confronti di quei genitori che non intendo vaccinare i propri bambini, mettendo a rischio la salute di molte altre persone, è costato caro al deputato di Forza Italia Roberto Novelli. Che ha ricevuto minacce di morte da un ‘No Vax’ tramite un messaggio anonimo su Facebook.

“Da tempo seguo l’argomento e sono un sostenitore dell’importanza dei vaccini”, spiega Novelli. “Nel momento in cui dei genitori, non rispettando la legge, decidono di non vaccinare i propri figli e questi entrano in contatto, specie in luoghi chiusi, con altri bimbi, affetti da patologie gravi, che non possono essere immunizzati, devono assumersi la responsabilità del loro gesto. Ho lanciato l’ipotesi di presentare una proposta di legge che contempli il reato di contagio colposo".

"Poco dopo mi è arrivato un messaggio privato su Facebook, nel quale l’anonimo utente scriveva che mi avrebbe sparato in bocca non appena mi avesse incontrato. Minaccia seguita da contumelie e offese varie. Credo che questo non sia il modo giusto per affrontare la questione e avere un confronto costruttivo sull’argomento vaccini. Il Fvg, purtroppo, è una delle regioni con minor copertura vaccinale, non solo per il morbillo ma anche per altre malattie. Quindi dobbiamo affrontare seriamente il problema”, spiega Novelli.

“Ho sporto denuncia immediatamente, ma non arretro”, conclude il deputato. “Io rispetto le mamme e i papà che ritengono di non dover vaccinare i loro bambini. Ma rispetto ancora di più la legge e la scienza”.

“Piena e sincera solidarietà a nome mio e dell’intero Coordinamento regionale di Forza Italia del Friuli Venezia Giulia all’onorevole Roberto Novelli per le vili intimidazioni subite. L’ignoranza e la violenza verbale spesso vanno a braccetto, sono il sonno della ragione che poi può produrre mostri. È dovere di ognuno respingere queste derive e sostenere le ragioni di chi ha il coraggio di denunciale pubblicamente, schierandosi senza se senza ma dalla parte della scienza”. Lo afferma, in una nota, Sandra Savino, deputata di Forza Italia e coordinatrice regionale del movimento azzurro in Friuli Venezia Giulia.

“Non possiamo accettare che il fanatismo conduca a queste forme di violenza, al punto da minacciare di morte un collega deputato colpevole di avere opinioni diverse dalla dottrina no vax”. Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani, esprimendo “incondizionata e piena solidarietà” a Roberto Novelli. "Stiamo vivendo in un clima avvelenato, in cui estremismi di ogni tipo prosperano e sono ben nutriti da chi ha interesse ad alzare la tensione nella nostra società: per questo scopo anche i fanatici sono perfetti. Spero che da tutti i partiti, e sottolineo tutti, si levi una condanna contro comportamenti che ledono la libertà di pensiero e – conclude - rovinano la vita alle persone”.

1 Commenti
PiDav

Sono un convinto sostenitire dell'importanza dei vaccini ma il Friuli ha il tasso più basso delle persone vaccinate anche perché è difficile vacvinarsi: per risparmiare la precedente amministrazione regionale ha accorpato ad un unico call center le prenotazioni per vaccinarsi peccato che ci sia solo una persona a rispondere e se va bene ci si mette due giorni per un appuntamento visto che deve rispondere a utenti da Tarvisio a Varmo. Se si voleva risparmiare non era più semplice avvalersi dei servizi cup?

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori