Home / Cronaca / Tatuaggi, a Gorizia sequestrato un pigmento pericoloso

Tatuaggi, a Gorizia sequestrato un pigmento pericoloso

Il prodotto, made in Usa, ora è stato tolto dal mercato per la presenza di metalli pesanti, tra cui il piombo

Tatuaggi, a Gorizia sequestrato un pigmento pericoloso

I carabinieri del Nas di Udine hanno sequestrato un pigmento nello studio di un tatuatore che opera in provincia di Gorizia. A seguito di alcuni controlli eseguiti dagli uomini del capitano Fabio Gentilini è emerso che uno dei colori utilizzati dall'artigiano per eseguire i tatuaggi, il "Brite Orange", conteneva metalli pesanti, tra i quali il piombo, in quantità superiore a quella prevista dalla legge.

Da questo controllo è scattata la comunicazione alla Ministero della salute e sono stati eseguiti degli accertamenti sulla boccetta. Si tratta di una pigmento prodotto da una ditta americana. Dopo il sequestro eseguito in Friuli dai carabinieri del Nas, il pigmento è stato ritirato dal commercio in tutta Italia e anche nel resto dell'Unione Europea.

Nessuna conseguenza, invece, per l'artigiano tatuatore dell'Isontino che aveva acquistato il colore al piombo in buona fede, certo che non fosse tossico. La società americana è stata sanzionata.

0 Commenti

IL CONCORSO

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori