Home / Cronaca / Udine: addio al sito di segnalazioni e-Part

Udine: addio al sito di segnalazioni e-Part

Da giovedì 28 febbraio il portale del Comune cesserà la sua attività

Udine: addio al sito di segnalazioni e-Part

In una città, piccola o grande che sia, le segnalazioni sulla viabilità, sui problemi al manto stradale, buche e marciapiedi pericolosi, non mancano mai. Anzi, sui social, uno degli 'sport' preferiti è quello di denunciare, con tanto di foto, ciò che non va e non funziona. Spesso, però, a queste denunce non fa seguito un intervento diretto del Comune.
Per attivare un filo diretto con i cittadini, il Comune di Udine anni fa ha attivato un portale dedicato alle segnalazioni degli utenti, e-Part, che è divenuto un vero e proprio sportello per chi, solertemente poteva segnalare criticità e gli interventi più urgenti da attivare.
Con grande sorpresa, però, da giovedì 28 febbraio il sito e-Part del Comune di Udine cesserà di esistere.
Sulla homepage del portale si legge che “dal 28 febbraio 2019 viene dismesso il servizio web ePart utilizzato per le segnalazioni di situazioni di degrado urbano riguardanti, ad esempio, il verde pubblico, l'abbandono di rifiuti, le problematiche relative ad animali, la viabilità, i lavori stradali, la sicurezza e il decoro della città. In attesa dell'attivazione del nuovo portale web sostitutivo, è possibile segnalare le situazioni di degrado urbano scrivendo alla casella di posta elettronica: segnalazioni@comune.udine.it. “.
La mappa interattiva di e-Part, che vedete pubblicata, rende l'idea di quante siano numerose le segnalazioni e anche le risposte inviate dagli uffici di Palazzo D'Aronco, creando una vera e propria mappatura dei punti critici della città.
Insomma, non proprio un addio, ma un arrivederci a data da destinarsi. Nel frattempo, ne siamo certi, i tombini scoperchiati, i cedimenti strutturali, l'asfalto collassato e la segnaletica abbattuta o poco visibile troveranno ancora posto sui social. Sulle tempistiche dell'intervento risolutivo, però, non v'è garanzia, quindi l'invito è quello di utilizzare la mail per comunicare direttamente all'ufficio segnalazioni.

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori