Home / Cronaca / Un arresto per tangenti all'ecocentro di Pordenone

Un arresto per tangenti all'ecocentro di Pordenone

La Guardia di Finanza, assieme a Polizia locale e Procura, ha documentato vari episodi di corruzione e furti di rifiuti

E’ di un arresto e 12 persone denunciate per episodi di corruzione e furti di rifiuti nell’ecocentro di via Savio a Pordenone il bilancio delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Pordenone, in collaborazione con la Polizia Municipale e coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo, che hanno consentito di fare luce su numerosi episodi illeciti avvenuti all’Ecocentro pordenonese.

Le attività investigative hanno portato all’arresto, per corruzione, del custode dell'Ecocentro, un italiano, colto nell’atto di ricevere indebitamente denaro da un’altra persona per permetterle di accedere nella struttura senza essere identificata e di asportare illegalmente rifiuti. Le indagini, eseguite anche mediante intercettazioni telefoniche e video, hanno svelato gravi indizi di reato a carico dell’arrestato e di altre persone che, a vario titolo, hanno interagito con lui negli ultimi quattro mesi, con cadenza pressoché quotidiana.

Il principale indagato accettava compensi in denaro o altre utilità per commettere atti contrari ai suoi doveri d’ufficio, in contrasto con le modalità operative della Gea, la società a partecipazione pubblica addetta allo smaltimento dei rifiuti nel Comune di Pordenone.

L’uomo, dietro compenso, permetteva di accedere al centro di raccolta a utenti privati e imprese non autorizzati, senza identificarli, permettendo loro di asportare diverse tipologie di rifiuti, anche pericolosi, come apparecchiature elettriche, batterie esauste e grandi elettrodomestici.

In occasione di un servizio di osservazione svolto dal personale delle Fiamme gialle e della Municipale, l’indagato è stato visto nell’atto di accettare del denaro per consentire l’indebito prelievo di rifiuti e, colto in flagranza, è stato in arrestato.

Le altre 12 persone denunciate sono a vario titolo responsabili, in concorso, per corruzione, peculato e furto, in occasione di decine di episodi di malaffare avvenuti all’Ecocentro.

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori