Home / Cultura / Due momenti di Open Day per la Comfort Zone di IoDeposito

Due momenti di Open Day per la Comfort Zone di IoDeposito

Appuntamenti per i giovani a Staranzano e Gradisca d'Isonzo

Due momenti di Open Day per la Comfort Zone di IoDeposito

Grazie al progetto Comfort Zone Atelier, sostenuto dalla fondazione Con I Bambini e ideato dall’associazione IoDeposito, nel territorio del basso e alto Isontino sono stati creati atelier permanenti all’interno degli istituti scolastici I.S.I.S. Brignoli-Einaudi-Marconi di Staranzano e Comprensivo ‘F.U. Della Torre’ di Gradisca d’Isonzo: negli Atelier, i giovani partecipanti sperimentano le nuove frontiere dell’arte contemporanea, gratuitamente, per 4 pomeriggi a settimana, insieme a educatori e artisti.

Le attività dell’Atelier, orientate alla scoperta dell’identità, allo sviluppo del benessere e del pensiero creativo, accoglieranno gratuitamente per i prossimi tre anni, quattro volte a settimana, tutti gli adolescenti residenti nella provincia di Gorizia.

Nel mese di maggio, si concluderà il primo ciclo laboratoriale degli Atelier, celebrato con due Open Day, uno a Gradisca d’Isonzo il 19 maggio 2019, ed uno a Staranzano il 24 maggio 2019: entrambe le giornate saranno dedicate all’esposizione e alla presentazione delle opere create dai ragazzi partecipanti agli atelier, suggellando così il percorso di crescita e maturazione individuale compiuto a livello creativo-artistico.

In maniera specifica, il 19 maggio, a Gradisca d’Isonzo, l’associazione IoDeposito propone una passeggiata tra varie zone della città, nelle quali si potranno ammirare le opere, pensate, costruite ed installate dai ragazzi stessi sul suolo cittadino. la partenza è fissata alle ore 15.00, dalla fontana di Piazza Unità, mentre si arriverà a Casa Maccari, dove vi sarà un rinfresco (In caso di maltempo, il ritrovo è direttamente a Casa Maccari, alle 15.00).

A Staranzano il 24 maggio, invece, si presenterà l’operato dei giovani creativi dalle 17.30 presso I.S.I.S. Brignoli Einaudi Marconi. L’incontro avverrà proprio nell’atrio dell’istituto, dove i ragazzi hanno progettato e creato lo spazio fisico dell’Atelier.

Inoltre, all’appuntamento di Staranzano si assisterà ad un intervento della psicologa e psicoterapeuta Marinella A. Lena, sul tema della famiglia, dell’infanzia e del passaggio all’adolescenza: processi delicati e carichi di emozioni, visti con gli occhi dell’artista, raccontati attraverso immagini di opere significative della nostra storia dell’arte.

Negli incontri avvenuti in precedenza, i ragazzi hanno avuto la possibilità di mettersi a contatto con il mondo dell’arte contemporanea, attraverso metodologie e sperimentazioni creative sempre differenti, dimostrando che con la propria creatività e la propria inventiva, ognuno sia capace di dare forma ai propri pensieri. L’input alla creazione individuale arriva dalle forme più contemporanee e dunque accessibili di Arte, tra le quali la land art, la street art e la digital art. L’attenzione dei ragazzi, dei genitori e dei concittadini poi, si focalizzerà poi nell’arco degli openday sulla conoscenza approfondita dello spazio pubblico, da tutti fruito nel quotidiano, nel quale ognuno di noi trova la propria Comfort Zone. Dunque viene fornita l’opportunità ai giovani di riflettere sui loro luoghi ed oggetti comuni, di osservarli e ripensarli in maniera innovativa, donandogli poesia con la creazione di uno spazio artisticamente ricco ed esteticamente bello, che rimanga sempre, per loro, accogliente.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori