Home / Cultura / Dusan Velicković in tour con Generazione Serbia

Dusan Velicković in tour con Generazione Serbia

Lo scrittore è ospite al festival 'Le voci dell’inchiesta' e in tour in Italia

Dusan Velicković in tour con Generazione Serbia

Lo scrittore serbo Dušan Veličković, amato dal pubblico italiano per i romanzi “Generazione Serbia”, “Balkan pin-up” e “Serbia Hardcore”, ritorna in Italia per un tour che lo porterà a Pordenone, Milano, Venezia e Bologna.

Sarà, infatti, Veličković tra gli ospiti d’onore del Festival Le Voci dell’Inchiesta di Pordenone dove commenterà l’anteprima nazionale del documentarioThe trial of Ratko Mladic”, diretto da Henry Singer e Rob Miller, e previsto per sabato 13 aprile a Cinemazero, con partenza dalle 16:40. Oltre a Veličković, ci sarà anche l’intervento del professor Francesco Strazzari.

“La storia di Mladic è terrificante” ha dichiarato Riccardo Costantini del Festival Le Voci dell’Inchiesta, “ma - come sempre - pone il problema della "giusta" giustizia. Il film ricostruisce con grande quantità di documenti e filmati i fatti, offrendo la possibilità di approfondire un tema di assoluta attualità, che è la giustizia dei vincitori. Le dinamiche processuali sono altrettanto affascinanti, e da una parte si segue la battaglia legale con partecipazione, dall’altra si possono verificare le varie componenti culturali e storiche soggiacenti a ogni azione del processo”.

Il tour di promozione del libro “Generazione Serbia” (Bottega Errante) di Dušan Veličković inizierà qualche giorno prima a Milano, giovedì 11 aprile alle 18 presso lo spazio dell'associazione Chiamamilano. Nel libro di Veličković, la famiglia serba Kobac/Tomić è la metafora di un popolo che attraversa il Novecento. Il racconto, dissacrante e ironico, segue in linea maschile le vite di uomini che dalla Serbia dell’Impero Austroungarico, viaggeranno fino in Russia e in America attraversando la Grande Storia. Il romanzo di Veličković narra i destini familiari che incrociano la “Guerra dei maiali”, le due guerre mondiali, gli anni Cinquanta e le purghe titoiste, la ribellione globale del 1968 e l’ascesa di Milošević. Nel 1991, come la Federazione Jugoslava, anche il nucleo familiare si scioglie e l’ultimo Kobac parte alla ricerca del padre. L’appuntamento di Milano sarà guidato dai giornalisti Claudio Agostoni (Radio Popolare) e Christian Elia (Q Code Magazine) con la traduzione della storica Francesca Rolandi. Il tour del libro proseguirà venerdì 12 aprile a Venezia, dalle 15:00, al CFZ (Dorsoduro 1392) dove l’autore dialogherà con Stefano Aloe e Marija Bradaš. L’evento è in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e dell’Università di Verona. Sabato 13 aprile, alle 20:30 e dopo l’appuntamento a Cinemazero, Veličković sarà ospite della libreria Quo Vadis? La libreria del viaggiatore di Pordenone per presentare “Generazione Serbia” assieme a Daniele Zongaro ed Eugenio Berra di "Confluenze. Nel sud-est Europa con lentezza”.

Infine, domenica 14 aprile alle 20, interverrà alla Cineteca di Bologna (piazzetta Pasolini 2/B) per commentare, nuovamente, il documentario “The trial of Ratko Mladic”.

Dušan Veličković è scrittore, giornalista ed editore. Cura per una casa editrice la collana “Literature in Exile” nella quale vengono pubblicate le opere di scrittori russi dissidenti. Diventa direttore di NIN, settimanale di attualità politica, nel 1993 e lo rimane fino al 1997, anno in cui viene licenziato a seguito delle pressioni politiche del regime di Miloševic. Ha pubblicato racconti, saggi e articoli su numerose riviste e giornali ed è membro del PEN club serbo. In Italia ha pubblicato Generazione Serbia (Bottega Errante Edizioni), Serbia hardcore e Balkan pin-up (Zandonai, Besa). Ha ricevuto il Premio internazionale per la libertà e il giornalismo a Napoli.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori