Home / Cultura / Il friulano che ha scolpito i presidenti Usa

Il friulano che ha scolpito i presidenti Usa

Esce la biografia del migrante medunese Luigi Del Bianco, capo-intagliatore del celebre monumento sul Monte Rushmore

Il friulano che ha scolpito i presidenti Usa

Si intitola Fuori dall'ombra del Rushmore’ e sarà presentato venerdì 10 alle 18 alla Libreria Tarantola di Udine la biografia del migrante medunese Luigi Del Bianco, divenuto capo-intagliatore del celeberrimo monumento ai presidenti americani sul Monte Rushmore, nello stato del South Dakota.

Del Bianco è uno dei tanti ‘maestri’ che, nel corso della storia recente, e spesso in balìa di eventi globali come le guerre e l’emigrazione, hanno insegnato il lavoro attraverso la realizzazione di opere conosciute in tutto il mondo.

Scritta dal nipote Lou Del Bianco, la biografia, sottotitolata ‘La storia di uno scultore friulano sulla Montagna dei Presidenti’ è il risultato di una scoperta effettuata dall’autore, all’età di 8 anni: quella che suo nonno Luigi, capo intagliatore sul Monte Rushmore, non eraneppure menzionato nel libro più autorevole sul Rushmore.

Dai documenti storici emersi dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, la più grande del mondo, Lou Del Bianco è riuscito a ricostruire la storia di Luigi e la sua fondamentale importanza e, dopo 25 anni, è finalmente in grado di  consegnerà alla memoria del nonno il meritato riconoscimento.

La toccante e pregnante storia di Luigi Del Bianco e delle sue difficoltà come emigrato, in vita e dopo, ha al centro i  i volti di quattro famosi presidenti americani (da sinistra a destra: George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln), scelti rispettivamente come simboli della nascita, della crescita, dello sviluppo e della conservazione degli Stati Uniti.

Su una grande parete di roccia, lo scultore Gutzon Borglum iniziò a lavorare nel 1927 con l'italiano naturalizzato statunitense Luigi Del Bianco come maestro carpentiere e principale scultore e proseguì, con l'impiego di circa 400 operai, fino alla morte nel 1941. La scultura, alta 20 metri e simbolo dei primi 150 anni della storia americana, fu poi finita dal figlio Lincoln.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori