Home / Cultura / La grande bellezza dal Friuli a Praga

La grande bellezza dal Friuli a Praga

Il Craf di Spilimbergo esporta l’evoluzione del paesaggio in fotografia dagli Anni ’50 a oggi, in occasione del centenario dell’ambasciata italiana nella capitale Ceca

La grande bellezza dal Friuli a Praga

Il Craf – Centro ricerca archiviazione fotografia di Spilimbergo arriva fino a Praga con una mostra dedicata al paesaggio italiano, in occasione del centenario dell'apertura della rappresentanza italiana nella capitale. La mostra, frutto della costante e longeva partnership con l’Ambasciata e la Fondazione Archivio 3M, si intitola ‘Affacciati sulla bellezza’ e sarà inaugurata mercoledì 13 alla Cappella Barocca. Successivamente verrà trasferita a Bratislava, seconda sede espositiva del progetto.

Curata da Walter Liva e Roberto Mutti, la mostra racconta l’evoluzione del paesaggio del Belpaese dagli anni ’50 ad oggi. La selezione antologica contempla opere dei nomi più illustri della fotografia italiana (tra cui Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Luigi Ghirri, Nino Migliori, Guido Guidi, Massimo Siragusa) e illustra l’evoluzione dell’Italia tra il Ventesimo e Ventunesimo secolo, le sue metamorfosi, l’interazione tra uomo e natura, tra paesaggio naturale e urbano.

Le fotografie documentano un Principio fondamentale sancito dalla Costituzione italiana (art. 9): “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Un’occasione, quindi, per riflettere sul valore del paesaggio da preservare e consegnare in eredità alle future generazioni attraverso la fotografia, che aiuta la memoria collettiva".

Il paesaggio comprende beni culturali (antichi monumenti, chiese, monasteri, castelli, centri storici e aree agricole o antropizzate) e bellezze naturali (vedute di montagne, mari, foreste, fiumi), ma anche l’insieme delle tradizioni ed usanze di un popolo, dei suoi borghi e delle sue città. Le opere in mostra vanno ‘guardate’ come si fa abitualmente con i dipinti dei grandi vedutisti dei secoli scorsi: con la consapevolezza che il paesaggio, il ‘quadro naturale’, è un valore primario e assoluto.

Le opere restituiscono la bellezza dei luoghi che caratterizzano e identificano la Repubblica Italiana: “È un onore per il nostro Centro – dichiara il direttore del Craf, Luca Giuliani - partecipare al centenario dell'apertura della rappresentanza italiana a Praga con una mostra fotografica e un catalogo. Per il Friuli Venezia Giulia significa confermare attraverso l’evento espositivo il valore dello scambio culturale con la Mitteleuropa, alimentato dalle forti comunità italiane residenti e frutto del ruolo di ‘congiunzione’ che il Friuli esercita, sostenendo la promozione dell’Italia attraverso consolidati rapporti transfrontalieri”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori