Home / Cultura / Porte aperte alla Fondazione Carigo

Porte aperte alla Fondazione Carigo

Aspettando il Natale, la sede goriziana domenica 16 offre un ricco calendario d'iniziative

Porte aperte alla Fondazione Carigo

Domenica 16 dicembre in attesa del Natale la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia riapre le porte al pubblico con appuntamenti per i più piccoli, letture teatrali e nuove visite al caveau della Fondazione. Sarà una giornata dedicata a grandi e piccini a partire dalle 15 quando i bambini dai 5 agli 11 anni, accompagnati da un genitore, sono invitati a partecipare all’appuntamento con la speciale caccia al tesoro “Alla ricerca del forziere dimenticato del conte Della Torre” a cura di Musaeus Società Cooperativa. Con pile e lenti di ingrandimento i bambini andranno alla ricerca del tesoro dimenticato del Conte: un’avventura che li porterà lungo i corridoi e dentro le stanze del palazzo, dal caveau alla sala collezioni, dalla biblioteca alla sala conferenze.

Dalle 16.30 alle 18 un appuntamento per tutti a cura di A. Artisti Associati con il racconto di Enrico Cavallero “Giuseppe Della Torre: l’avventura di una vita”, che narra di un valoroso uomo di armi, astuto stratega e accorto diplomatico al servizio delle più importanti corti d’Europa che navigò fino ai confini del mondo senza mai dimenticare la sua Gorizia.

A seguire le visite guidate al Palazzo sede della Fondazione e al caveau, a cura di Musaeus Società Cooperativa (accesso tramite scale). Le visite prevedono un’introduzione sulla storia del Palazzo e sul funzionamento del Monte di Pietà che vi aveva sede. Nel caveau saranno visibili alcuni esempi dei beni che venivano portati in pegno: oggetti di oreficeria popolare, di oreficeria borghese, gioielli, oggetti di bigiotteria, argenteria, orologi. A tutti i partecipanti sarà consegnata una pubblicazione in omaggio.

Nata nell'agosto del 1992, la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia – che ha sede, appunto, nel palazzo dove si svolsero nei secoli le attività del Monte di Pietà cittadino e della Cassa di Risparmio di Gorizia - è un ente senza fini di lucro che opera per erogare risorse per lo sviluppo sociale, economico e culturale del territorio. Le richieste alle autorità governative centrali austriache per l'istituzione di un Monte di Pietà a Gorizia risalgono già alla metà del Cinquecento, ma è soltanto a metà del XVIII secolo grazie al primo arcivescovo Carlo Michele d'Attems, che il primo monte apre i battenti a Gorizia, il 6 gennaio 1753. La finalità caritativa dell'ente traspare dall'obbligo di destinare alla beneficenza ogni eventuale utile.

Legata alla storia del Monte di Pietà è senz'altro la collezione di preziosi giunta alla Fondazione Carigo attraverso la Cassa di Risparmio. Da quel lontano istituto sono infatti pervenuti importanti gioielli e prodotti di oreficeria borghese e popolare, ma anche più modesti articoli di bigiotteria realizzati in argento. Gli ornamenti preziosi sono per lo più oggetti di affezione e portatori di significato simbolico, ma sono allo stesso tempo documenti ricchi di informazioni, svelando vicende storiche e aspetti culturali, tradizioni artigiane e produzioni industriali, variazioni del gusto e delle mode.

La partecipazione agli eventi è gratuita e si svolge previa prenotazione e fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per prenotazioni: 0481/537111 - da lunedì a giovedì 8.15-13.15, 14.30-16.30, venerdì 8.15-13.45; o via mail, scrivendo a info@fondazionecarigo.it, indicando l’orario della visita prescelta.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori