Home / Cultura / Scienza, nasce il manifesto della comunicazione non ostile

Scienza, nasce il manifesto della comunicazione non ostile

Oltre 100 esperti del settore hanno contribuito e firmato i 10 principi presentati oggi in occasione della terza edizione di Parole O_Stili

Scienza, nasce il manifesto della comunicazione non ostile

Nasce oggi il Manifesto della comunicazione non ostile per la scienza, presentato durante la terza edizione di ParoleO_stili, progetto di sensibilizzazione contro la violenza delle parole, durante la quale i più importanti esperti della Rete discutono sui temi della consapevolezza digitale e dei linguaggi ostili: cyberbullismo, fake news, revenge porn, crisis management, ecc.

Dieci semplici principi di stile a cui ispirarsi per una narrazione corretta, semplice e non ostile della scienza e delle sue storie. A orientarne la declinazione sono stati i contributi di più di 100 esperti del settore. Tra i primi firmatari: l’astronauta Umberto Guidoni, Luca Mercalli, Responsabile dell’Osservatorio Metereologico del Real Collegio Carlo Alberto di Moncalieri, Mario Tozzi, geologo, divulgatore scientifico e saggista, Paolo Giordano scrittore e fisico italiano, Mauro Giacca del King's College di Londra, Giorgio Ventre, direttore della Developer Academy Apple di Napoli, Andrea Bandelli Executive Director di Science Gallery, Luigi Amodio, Direttore della Fondazione IDIS-Città della Scienza di Napoli, Barbara Gallavotti, autrice Superquark, Luca Perri vincitore nazionale del talent scientifico Famelab (2015), è un appassionato divulgatore scientifico, Roberto Burioni, medico, accademico e divulgatore scientifico italiano, attivo come ricercatore nel campo relativo allo sviluppo di anticorpi monoclonali umani contro agenti infettivi, Iain Mattaj, direttore Human Technopole, uno dei massimi esperti di biologia molecolare e molti altri.

Il Manifesto è realizzato nell’ambito del progetto SHARPER - Notte Europea dei Ricercatori, coordinato dall’Immaginario Scientifico e dal Master in comunicazione della scienza Franco Prattico della SISSA e da UniTS, e diventerà documento ufficiale di Trieste Città europea della scienza 2020.

Il filo conduttore di questa edizione è il primo principio del Manifesto della comunicazione non ostile, “Virtuale è reale”, protagonista dei 15 diversi panel di approfondimento che si svolgono durante la giornata alla Stazione Marittima: tra gli argomenti fake news, revenge porn, cyberbullismo, gaming, crisis management e molti altri argomenti.

Tra gli ospiti, Selvaggia Lucarelli, lo psichiatra Paolo Crepet, la chef stellata Cristina Bowerman, l’influencer Tommaso Zorzi e rappresentanti di importanti realtà aziendali come Google, Telefono Azzurro, Generali, RCS, Mattel e moltissimi altri. I panel sono preceduti da una plenaria d’apertura che sarà condotta dalla giornalista di Sky Sport, Lia Capizzi.

L’appuntamento sarà anche un’occasione per raccontare i traguardi e gli obiettivi raggiunti dall’associazione in questi ultimi 12 mesi: le due medaglie assegnate dal Presidente della Repubblica, il nuovo Manifesto della comunicazione non ostile per lo sport, il libretto illustrato per l’infanzia “Parole appuntite, parole piumate” edito da Panini, il libro per ragazzi “Penso, parlo, posto” edito da Il Castoro e varie collaborazioni sui temi del cyberbullismo (con IKEA) e della violenza sulle le donne (con Carrefour e Sorgenia).

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori