Home / Cultura / Storia di un musicista-emigrante

Storia di un musicista-emigrante

Martedì 9 al Cotterli di Udine, presentazione del nuovo romanzo di ‘Giovanni dei Conti di Chioggia’: i Tamburi, un libro che attraversa tre generazioni, un oceano e arriva a… Frank Sinatra!

Storia di un musicista-emigrante

Presentazione de ‘I tamburi’, il nuovo romanzo di Vanni De Lucia, con il nom de plume Giovanni dei Conti di Chioggia, martedì 9 al Caffè Cotterli di Udine alle 18. Un racconto che parla di vita e morte dialogando con tre generazioni.

La storia parte da Anselmo Fontana, in arte Axel, che dopo il conservatorio emigra negli Usa, anche a causa del fascismo, grazie all’aiuto di una ricca signora americana, affascinata dal suo talento, conosciuta quando suonava per i ricchi villeggianti estivi con un’orchestrina presso il Grand Hotel di Rimini. Siamo negli anni ’30 del ‘900 e la prima meta è Boston.

Dividendosi tra la formazione classica e i concerti jazz,  Axel vive negli Usa il periodo della Grande depressione e poi la guerra, con una vita molto precaria, che però lo porta anche a incrociare grandi musicisti. Come Frank Sinatra.

Solo in tarda età, grazie ad un concorso, diventa direttore d’orchestra della sinfonica di Parma, città dell’Ohio omonima a quella italiana. A quasi 80 anni, ricevuta una lettera dalla sorella ammalata, ritorna in Italia e va a vivere in un paesino dove fa amicizia con un ragazzino che potrebbe essere un suo pronipote e con il bizzarro e colto prete del paese.

Il resto alla curiosità del lettore… “La vita è il terreno dell’Essere – spiega l’autore - Siamo qui per questo e questo terreno per alcuni è facile, per altri no: così è la vita del musicista che racconto, e che però alla fine sarà ripagato”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori